Menu utente
Chiudi menu
Gastroenterite infettiva

Gastroenterite infettiva

Definizione

La gastroenterite infettiva è una malattia infiammatoria del tratto gastrointestinale provocata principalmente da virus, ma anche da batteri o parassiti. È un disturbo piuttosto diffuso nella popolazione che, sebbene interessi tutte le fasce di età, colpisce soprattutto i bambini piccoli e gli abitanti dei Paesi in via di sviluppo.

Sintomi

La gastroenterite comporta diarrea (almeno 3 scariche al giorno), nausea, vomito e crampi addominali; in alcuni casi se l'infezione è virale si possono manifestare anche febbre lieve, stanchezza, mal di testa e dolori muscolari.

Generalmente i sintomi compaiono 12-72 ore dopo avere contratto l'infezione e, in base all'agente infettivo coinvolto e alla gravità della malattia, durano da 1-2 giorni (forma acuta) fino a un paio di settimane (forma persistente).

Nell'adulto la gastroenterite guarisce nella maggioranza dei casi entro pochi giorni senza bisogno di alcun trattamento specifico; lo stesso accade nei bambini che tuttavia, analogamente agli anziani, ai soggetti debilitati o alle persone colpite da gravi malattie, sono maggiormente soggetti alle complicanze anche gravi della disidratazione conseguente alla diarrea.

Cause

Gli agenti patogeni che possono provocare una gastroenterite infettiva sono numerosi; nel 70% dei casi l'infezione è di tipo virale e nel 30% è di origine batterica o parassitaria.

Le cause principali di gastroenterite sono le infezioni da Rotavirus, da Escherichia coli e da Campylobacter. Tra gli altri agenti infettivi responsabili ci sono i Norovirus, gli Adenovirus, gli Astrovirus, la Salmonella e il Clostridium difficile.

Il Rotavirus è la causa più comune di gastroenterite nei bambini, essendo responsabile di circa il 70% dei casi in questa fascia di età, mentre le gastroenteriti da Norovirus e da Campylobacter sono quelle maggiormente diffuse negli adulti.

La gravità della malattia è legata all'agente causale piuttosto che all'età del soggetto colpito e il Rotavirus è il responsabile delle forme più serie.

La gastroenterite è molto contagiosa e si contrae quando si sta a stretto contatto con una persona malata, per esempio condividendo oggetti personali, indumenti, cibi, o per ingestione di alimenti o di acqua contaminati. La trasmissione dell'infezione può anche essere legata a condizioni di scarsa igiene.

Fattori di rischio

Anche se la gastroenterite infettiva può colpire a qualsiasi età, ci sono fasce di popolazione maggiormente a rischio di contrarre quest'infezione, quali i neonati, i bambini in età prescolare e gli anziani. Ciò è dovuto al fatto che il sistema immunitario non è completamente maturo prima dei sei anni e che tende a diventare meno efficiente con il passare dell'età.

Inoltre sono più vulnerabili a sviluppare un'infezione intestinale anche le persone le cui difese immunitarie sono ridotte a causa di malattie gravi (per esempio, AIDS) oppure dei farmaci che stanno assumendo (per esempio, chemioterapia).

Complicazioni

La complicazione più frequente della gastroenterite infettiva è la disidratazione, ossia una grave perdita di acqua e di sali minerali dovuta alla diarrea e al vomito.

Se di solito gli adulti sani riescono facilmente a reintegrare i liquidi persi, i neonati, gli anziani e le persone con difese immunitarie diminuite rischiano di disidratarsi gravemente se perdono più liquidi di quelli che riescono a reintrodurre.

Nei Paesi in via di sviluppo in cui tra i bambini sono comuni le infezioni intestinali ripetute, la gastroenterite può avere conseguenze gravi per la salute come malnutrizione e ritardo dello sviluppo.

Diario della prima visita medica

Prima di recarsi alla visita è utile prendere nota di tutti i disturbi e delle eventuali domande che si desiderano rivolgere al proprio medico curante. Inoltre si consiglia al paziente di bere molto, di seguire una dieta leggera a base di alimenti facilmente digeribili, non consumando i latticini, il caffè, gli alcolici e i cibi troppo grassi, e di evitare di fumare.

Esami e diagnosi

In genere la gastroenterite infettiva si diagnostica sulla base dei sintomi, sulla visita del paziente e anche sulla presenza di episodi simili nella comunità. Un esame delle feci si può rendere necessario se c'è presenza di sangue nelle feci e per escludere la possibilità di un'infezione causata da batteri o parassiti.

Nei casi di grave disidratazione è opportuno controllare il livello nel sangue degli elettroliti, come il sodio e il potassio, e la funzionalità renale misurando la creatinina sierica.

Trattamenti

Solitamente la gastroenterite infettiva è una malattia acuta che guarisce da sola entro pochi giorni senza il bisogno di alcuna terapia farmacologica.

In caso di disidratazione lieve o moderata è opportuno assumere cospicue quantità di liquidi attraverso soluzioni reidratanti orali, eventualmente aggiungendo integratori di sali e di vitamine, mentre una terapia di reidratazione per via endovenosa è necessaria se la perdita di fluidi è grave.

Talvolta può essere opportuno somministrare ai bambini farmaci contro il vomito, mentre l'uso di antibiotici è riservato esclusivamente a casi accertati di gastroenterite batterica. Inoltre si può optare per un trattamento a base di fermenti lattici probiotici, che si è rivelato utile sia a scopo terapeutico sia preventivo.

Prevenzione

Non essendo disponibile alcun trattamento specifico per curare la gastroenterite infettiva, la prevenzione è fondamentale per non contrarre la malattia. Il modo migliore per evitare la diffusione delle infezioni intestinali è seguire alcune semplici norme igieniche, come:

1) lavarsi sempre molto bene le mani usando acqua tiepida e sapone; nei casi in cui ciò non sia possibile munirsi di salviette o di prodotti igienizzanti specifici;

2) utilizzare oggetti personali distinti per ciascun famigliare e non condividere le stoviglie, i bicchieri e i piatti;

3) non venire in contatto con cibi o bevande contaminate;

4) evitare i contatti troppo ravvicinati con chi è stato contagiato.

Una misura efficace e sicura per prevenire la gastroenterite da Rotavirus è la vaccinazione, che dal 2009 viene raccomandata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità ai bambini di tutto il mondo.

Altri articoli che potrebbero interessarti
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social