Menu utente
Chiudi menu
Intolleranza al lattosio

Intolleranza al lattosio


I sintomi delle persone affette da intolleranza al lattosio possono includere dolore addominale, gonfiore addominale, gas, diarrea e nausea. Tali sintomi possono essere gestiti con la modifica delle abitudini alimentari.

La maggior parte delle persone affette da intolleranza al lattosio può tollerare una certa quantità di lattosio nella dieta.
A poco a poco l’introduzione di piccole quantità di latte o prodotti lattiero-caseari, possono aiutare alcune persone ad adattarsi a tale intolleranza con un minor numero di sintomi; inoltre questi alimenti sono maggiormente tollerati se inseriti all’interno di un pasto misto.

Dove si trova il lattosio
Il lattosio si riscontra in latte, yogurt, panna, tutti i formaggi freschi, gelati alla crema, budini, besciamella e tutti piatti preparati con latte o formaggio o panna. Alcuni prodotti alimentari possono contenere piccole quantità di lattosio; latte e latticini sono spesso aggiunti ai cibi trattati per prolungare la conservazione.

Possono contenere lattosio: prodotti da forno (per esempio: grissini, crescente bolognese, focaccia, etc.) pane e derivati; fette biscottate, biscotti; ciambelle, cialde e frittelle, panini al latte, sandwich, pane da toast; cereali per la colazione; miscela di fiocchi di patate per purè e minestre in busta; patatine fritte e altri snack trattati; pancetta, salsicce, hot dog e prosciutto cotto; margarina; caramelle.

Sono prodotti lattiero-caseari senza lattosio: latte senza lattosio, latte di riso, latte di soia (sono tutti disponibili presso la maggior parte dei supermercati). Il latte senza lattosio può avere un sapore leggermente più dolce del latte normale; latte di soia e latte di riso possono essere consigliati in sostituzione del latte.
È importante controllare gli ingredienti sulle etichette. Se una qualsiasi delle seguenti parole è presente fra gli ingredienti, il prodotto contiene lattosio: latte, lattosio, siero, cagliata, derivati del latte, sostanza secca del latte, latte magro in polvere.
Il lattosio viene utilizzato anche in alcuni medicinali soggetti a prescrizione; pertanto questi possono causare sintomi in persone affette da grave intolleranza al lattosio. L’esclusione di latte e latticini può portare a ridotti introiti di calcio che in parte potranno essere ripristinati con la scelta di acque minerali ricche di calcio e povere di sodio.

Schema alimentare giornaliero

  • La quantità degli alimenti indicati varierà in base ai fabbisogni.


Colazione

  • Una tazza di thè oppure • una tazza di orzo • latte senza lattosio • latte di soia • latte di riso • uno yogurt (se tollerato)
  • Fette biscottate con marmellata oppure • un pacchetto di cracker • fette biscottate • cornflakes • biscotti secchi • riso soffiato
  • Frutta fresca di stagione oppure • una spremuta d’arancia


Spuntino mattutino

  • Un pacchetto di cracker oppure • fette biscottate • biscotti secchi senza latte


Pranzo

  • Una porzione di pasta di semola oppure • una porzione di riso • pane comune • patate • pasta all’uovo • polenta • zuppa di verdura con pasta
  • Sugo alle verdure oppure • sugo al pomodoro • sugo al tonno • sugo al pesce azzurro
  • Parmigiano reggiano o grana padano
  • Olio di oliva extravergine
  • Una porzione di verdure miste di stagione
  • Frutta fresca di stagione oppure • una spremuta d’arancia


Merenda

  • Un pacchetto di cracker oppure biscotti secchi • fette biscottate • pane tostato


Cena

  • Merluzzo al forno con contorno oppure • una fettina di carne bianca (tipo petto di pollo) • parmigiano reg giano o grana padano / emmenthal • una fettina di carne magra
  • di manzo o vitello • tonno • prosciutto crudo magro / bresaola
  • Olio di oliva extravergine per condire
  • Pane oppure • pasta di semola • fette biscottate • cracker • grissini
  • Frutta fresca di stagione ben matura


NB. Leggere le etichette per controllare l’eventuale presenza di lattosio. Spesso piccole quantità di lattosio sono meglio tollerate se distribuite nell’arco della giornata. Controllare l’apporto giornaliero di calcio per e vitare carenze. Bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno scegliendo acque ricche di calcio e povere di sodio.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Il pasto sano è domestico

Se volete che i vostri bambini stiano bene, non fateli mangiare troppo spesso fuori casa. La raccomandazione arriva da uno studio portoghese recentemente pubblicato sulla rivista European Journal of Clinical Nutrition, che ha studiato l’associazione tra obesità infantile e abitudine a pranzare fuori casa.
Il pasto sano è domestico

Una soluzione per l’ansia e i chili di troppo?

Assumere la giusta quantità di probiotici aiuterebbe non solo a perdere peso ma anche a controllare l’ansia.
Una soluzione per l’ansia e i chili di troppo?

Malesseri (in)evitabili

La stitichezza in gravidanza è una condizione frequente, dovuta a cambiamenti fisiologici e ormonali che inducono un rallentamento generale della funzione intestinale.
Malesseri (in)evitabili

Senza potassio l’intestino si impigrisce

Quando la stitichezza è accompagnata da crampi agli arti e da uno stato generale di spossatezza la causa potrebbe essere una carenza di potassio.
Senza potassio l’intestino si impigrisce

L’elisir di giovinezza intestinale

Digiunare per un giorno intero può essere molto positivo per la salute dell’intestino. A dirlo sono i risultati di uno studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) e recentemente pubblicato sulla rivista Cell Stem Cell.
L’elisir di giovinezza intestinale

Tumori: la dieta affianca la cura

Se esistono alimenti che sembrano in grado di allontanare il rischio di tumore (in particolare verdure e frutta), anche nei casi in cui la malattia è già stata diagnosticata un'alimentazione specifica è importante quanto una chemioterapia ben modulata.
Tumori: la dieta affianca la cura

Verdura e frutta: meglio se arancioni

Per combattere il gonfiore addominale è risaputo che la scelta degli alimenti è molto importante. In tema di vegetali la stagione primaverile offre un’ampia scelta di prodotti utili a contrastare efficacemente questo fastidioso disturbo, come la frutta e la verdura di colore giallo-arancione.
Verdura e frutta: meglio se arancioni

Due biscotti per due obiettivi

Essere diabetici significa spesso anche soffrire di stitichezza. Ed è proprio questo connubio a rendere ancora più importante il ruolo della dieta, che dovrebbe favorire il controllo degli zuccheri e nello stesso tempo facilitare il transito intestinale.
Due biscotti per due obiettivi

Allenarsi all’arrivo del ciclo

La sindrome premestruale è un disturbo molto comune tra le donne in età riproduttiva, che ha anche la stitichezza tra i suoi (tanti) fastidiosi sintomi. L’esercizio fisico aerobico potrebbe aiutare a combatterla.
Allenarsi all’arrivo del ciclo

Zuccheri da selezionare con cura

Chi soffre di intestino irritabile avrà certo familiarità con quel fastidioso gonfiore che spesso si presenta dopo aver mangiato qualche cucchiaino di miele o dopo avere ecceduto nel consumo di datteri o prugne, uva e fichi secchi.
Zuccheri da selezionare con cura

La serotonina è utile contro il gonfiore

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è un disturbo intestinale molto diffuso caratterizzato da dolore e gonfiore addominale e alterata funzionalità intestinale. L’origine dell’IBS è multifattoriale ed è stato dimostrato che fattori quali alterazione della motilità intestinale, aspetti emotivi, composizione del microbiota intestinale e dieta sono fondamentali nel suo sviluppo.
La serotonina è utile contro il gonfiore

Per un cambio di stagione senza scosse

Spesso al cambio di stagione, con la variabilità del clima e delle temperature e l'accorciamento o l’allungamento delle giornate, l’organismo, e l’intestino in particolare, ne può risentire.
Per un cambio di stagione senza scosse

C’è intolleranza e intolleranza

La principale causa per cui i latticini provocano gonfiore addominale è l’intolleranza al lattosio dovuta alla carenza dell’enzima lattasi che metabolizza questo zucchero. Tuttavia il grado di intolleranza al lattosio può variare anche sensibilmente da persona a persona.
C’è intolleranza e intolleranza

La disciplina che viene dal nord

Camminare fa bene a tutti, soprattutto se a passo alternato e con la spinta sui bastoncini. Per chi ha superato i 60 anni, la camminata con le racchette - o nordic walking - è ancor più raccomandata quale forma sicura di esercizio aerobico, che migliora la salute gastrointestinale oltre che quella cardiocircolatoria.
La disciplina che viene dal nord

Il benessere è nel picnic

Al parco, al mare o in montagna, con la bella stagione un pranzo all’aria aperta è la soluzione perfetta per mangiare piacevolmente immersi nella natura. Ecco qualche indicazione per un pasto sano e anti-calura estiva.
Il benessere è nel picnic

La quinoa: il “quasi cereale” dalle tante proprietà

In aggiunta alle zuppe e alle insalate, sottoforma di crocchette o trasformata in farina per pane e dolci: ci sono vari modi per gustare la quinoa, il vegetale tanto simile a riso, orzo e farro da essere classificato come “pseudocereale” o “falso cereale”.
La quinoa: il “quasi cereale” dalle tante proprietà

Piccoli, ma spesso costipati

L’intestino pigro è una problematica comune anche tra i bambini, colpendo mediamente il 12% della popolazione pediatrica e arrivando a toccare anche tassi di incidenza del 30%.
Piccoli, ma spesso costipati

Dieta e sedentarietà cronicizzano la stipsi

Seguire una dieta scorretta e restare seduti molte ore al giorno aumenta il rischio di soffrire di costipazione cronica.
Dieta e sedentarietà cronicizzano la stipsi

Un’accoppiata vincente

Dei benefici dei probiotici si parla da ormai da qualche anno, ma è recente l’evidenza che il consumo di un latte fermentato contenente ceppi di bifidobatteri e di lattobacilli è in grado di ridurre il malessere legato al gonfiore addominale.
Un’accoppiata vincente

Rimedi antichi, benefici senza tempo

Combattere la stitichezza con le prugne secche non è solo una pillola di saggezza dei nostri nonni.
Rimedi antichi, benefici senza tempo

Dolce per il palato, buono per la pancia

Un frullato di avena e ciliegie essiccate, oltre a essere una bevanda gustosa e originale per il palato, è un toccasana per l’intestino pigro.
Dolce per il palato, buono per la pancia

Grassi da bandire

In una dieta sana ed equilibrata il 20-35% delle calorie complessive deriva dai grassi (noti anche come lipidi), che non devono mancare se si vuole rimanere in buona salute. Che siano insaturi, saturi o trans, i grassi alimentari sono tutti uguali per quanto riguarda le calorie che apportano. Sul piano qualitativo invece....
Grassi da bandire

Dimmi quanto dormi

I bambini e gli adolescenti che dormono troppo poco sono a maggior rischio di diventare obesi o sovrappeso. A dimostrarlo è uno studio inglese pubblicato sulla rivista Sleep, che ha analizzato i dati di oltre 40 studi riguardanti più di 75.000 bambini e ragazzi di età compresa tra 0 e 18 anni.
Dimmi quanto dormi

Un aiuto per l’intestino

Piccoli, lucidi e dorati: sono i semi di lino, ricavati dal Linum Usitatissimum, una pianta dalle molteplici proprietà utilizzata fin dal tempo degli Egizi per uso tessile. Ne basta un cucchiaio ogni giorno accompagnato da qualche bicchiere d’acqua dire addio alla stitichezza.
Un aiuto per l’intestino
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social