Menu utente
Chiudi menu
Intolleranza al lattosio

Intolleranza al lattosio


I sintomi delle persone affette da intolleranza al lattosio possono includere dolore addominale, gonfiore addominale, gas, diarrea e nausea. Tali sintomi possono essere gestiti con la modifica delle abitudini alimentari.

La maggior parte delle persone affette da intolleranza al lattosio può tollerare una certa quantità di lattosio nella dieta.
A poco a poco l’introduzione di piccole quantità di latte o prodotti lattiero-caseari, possono aiutare alcune persone ad adattarsi a tale intolleranza con un minor numero di sintomi; inoltre questi alimenti sono maggiormente tollerati se inseriti all’interno di un pasto misto.

Dove si trova il lattosio
Il lattosio si riscontra in latte, yogurt, panna, tutti i formaggi freschi, gelati alla crema, budini, besciamella e tutti piatti preparati con latte o formaggio o panna. Alcuni prodotti alimentari possono contenere piccole quantità di lattosio; latte e latticini sono spesso aggiunti ai cibi trattati per prolungare la conservazione.

Possono contenere lattosio: prodotti da forno (per esempio: grissini, crescente bolognese, focaccia, etc.) pane e derivati; fette biscottate, biscotti; ciambelle, cialde e frittelle, panini al latte, sandwich, pane da toast; cereali per la colazione; miscela di fiocchi di patate per purè e minestre in busta; patatine fritte e altri snack trattati; pancetta, salsicce, hot dog e prosciutto cotto; margarina; caramelle.

Sono prodotti lattiero-caseari senza lattosio: latte senza lattosio, latte di riso, latte di soia (sono tutti disponibili presso la maggior parte dei supermercati). Il latte senza lattosio può avere un sapore leggermente più dolce del latte normale; latte di soia e latte di riso possono essere consigliati in sostituzione del latte.
È importante controllare gli ingredienti sulle etichette. Se una qualsiasi delle seguenti parole è presente fra gli ingredienti, il prodotto contiene lattosio: latte, lattosio, siero, cagliata, derivati del latte, sostanza secca del latte, latte magro in polvere.
Il lattosio viene utilizzato anche in alcuni medicinali soggetti a prescrizione; pertanto questi possono causare sintomi in persone affette da grave intolleranza al lattosio. L’esclusione di latte e latticini può portare a ridotti introiti di calcio che in parte potranno essere ripristinati con la scelta di acque minerali ricche di calcio e povere di sodio.

Schema alimentare giornaliero

  • La quantità degli alimenti indicati varierà in base ai fabbisogni.


Colazione

  • Una tazza di thè oppure • una tazza di orzo • latte senza lattosio • latte di soia • latte di riso • uno yogurt (se tollerato)
  • Fette biscottate con marmellata oppure • un pacchetto di cracker • fette biscottate • cornflakes • biscotti secchi • riso soffiato
  • Frutta fresca di stagione oppure • una spremuta d’arancia


Spuntino mattutino

  • Un pacchetto di cracker oppure • fette biscottate • biscotti secchi senza latte


Pranzo

  • Una porzione di pasta di semola oppure • una porzione di riso • pane comune • patate • pasta all’uovo • polenta • zuppa di verdura con pasta
  • Sugo alle verdure oppure • sugo al pomodoro • sugo al tonno • sugo al pesce azzurro
  • Parmigiano reggiano o grana padano
  • Olio di oliva extravergine
  • Una porzione di verdure miste di stagione
  • Frutta fresca di stagione oppure • una spremuta d’arancia


Merenda

  • Un pacchetto di cracker oppure biscotti secchi • fette biscottate • pane tostato


Cena

  • Merluzzo al forno con contorno oppure • una fettina di carne bianca (tipo petto di pollo) • parmigiano reg giano o grana padano / emmenthal • una fettina di carne magra
  • di manzo o vitello • tonno • prosciutto crudo magro / bresaola
  • Olio di oliva extravergine per condire
  • Pane oppure • pasta di semola • fette biscottate • cracker • grissini
  • Frutta fresca di stagione ben matura


NB. Leggere le etichette per controllare l’eventuale presenza di lattosio. Spesso piccole quantità di lattosio sono meglio tollerate se distribuite nell’arco della giornata. Controllare l’apporto giornaliero di calcio per e vitare carenze. Bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno scegliendo acque ricche di calcio e povere di sodio.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Meno mangi meno invecchi

Mangiare meno può aiutare a rimanere giovani. Ridurre le calorie introdotte ogni giorno potrebbe infatti ritardare il processo di invecchiamento delle cellule perché rallenterebbe l’attività dei ribosomi, organelli cellulari responsabili della produzione di proteine.
Meno mangi meno invecchi

Benefici di stagione

I fichi, frutti presenti in tutto il bacino del Mediterraneo dall’estate all’autunno a seconda delle varietà, sono storicamente raccomandati per le loro proprietà benefiche in molti disturbi intestinali, compresa la stitichezza.
Benefici di stagione

Da noi la celiachia è ancora sottostimata

Non dev'essere facile, nel paese per antonomasia della pasta e della pizza, essere intolleranti al glutine che si trova nel grano e nei suoi derivati, quindi in molti piatti tipici italiani. Ma è proprio quanto accade ai celiaci...
Da noi la celiachia è ancora sottostimata

Cosa fare se la futura mamma soffre di gonfiore

Molte donne durante la gravidanza soffrono di pancia gonfia, principalmente per la presenza del progesterone, un ormone che, rallentando il processo digestivo, causa un eccesso di gas a livello addominale determinando una sensazione di gonfiore.
Cosa fare se la futura mamma soffre di gonfiore

La varietà è amica della pancia

Sulla nostra tavola spesso compaiono gli stessi cibi o ingredienti, anche se talvolta sono in forma nascosta.
La varietà è amica della pancia

Sempre più spesso lo zampino è del lattosio

Se soffrite frequentemente di disturbi intestinali accompagnati da mal di testa e nervosismo è molto probabile che il colpevole sia il lattosio.
Sempre più spesso lo zampino è del lattosio

Strategie da rientro

È ormai settembre: il rientro dalle vacanze ha portato con sé un intestino più pigro del solito. La causa è da cercare nelle abitudini alimentari non sempre salutari tipiche del periodo estivo. Ritrovare la normalità non è difficile, basta recuperare uno stile di vita un po’ più sobrio.
Strategie da rientro

Il segreto della linea è francese

In tema di controllo del peso, il modello francese sembra essere quello vincente: tre pasti al giorno, a orari fissi, seduti a tavola, con altre persone, in piacevole compagnia. Chi aderisce maggiormente a questo stile alimentare, che tanto rispecchia la cultura del bacino mediterraneo, ha minori probabilità di essere sovrappeso o obeso.
Il segreto della linea è francese

La dieta senza glutine

Seguire una dieta gluten free, vuol dire prestare particolare attenzione nell’evitare i seguenti alimenti...
La dieta senza glutine

Frutta: quale e quando

È risaputo che consumare la frutta lontano dai pasti aiuta a diminuire il gonfiore addominale che affligge molte persone nel dopopranzo o dopocena. Il consiglio è di utilizzarla cotta oppure fresca come spuntino mattutino o pomeridiano.
Frutta: quale e quando

Quando la cura inizia a tavola

Le emorroidi sono normali strutture anatomiche situate nella parte terminale del retto dove contribuiscono a migliorare la continenza anale. Tuttavia quando le emorroidi si gonfiano o si infiammano possono dar luogo ai fastidiosi sintomi che caratterizzano la malattia emorroidaria.
Quando la cura inizia a tavola

Un’alimentazione che può gonfiare

Ai vegetariani talvolta capita di accusare fastidiosi gonfiori addominali, soprattutto se hanno appena adottato questo regime alimentare. In genere ciò è dovuto all’aumento della quantità di fibre nella dieta e si manifesta soprattutto se prima se ne assumevano poche.
Un’alimentazione che può gonfiare

Ideale anche contro la fragilità

La dieta mediterranea è un vero e proprio toccasana per gli anziani, ricucendo il loro rischio di diventare fragili.
Ideale anche contro la fragilità

L’abbinamento è vincente

Curcuma e semi di finocchio, insieme sulla tavola invernale, sono un rimedio ideale contro il gonfiore addominale. La curcuma è un rizoma di origine asiatica ormai diffuso anche nei Paesi occidentali.
L’abbinamento è vincente

Ricordi dannosi

Si parla ormai dell’intestino come del secondo cervello....
Ricordi dannosi

Combattere la stitichezza anche con la testa

Soffrire di stipsi può indurre a chiudersi in sé stessi e persino a provare un senso di colpa per il disturbo.
Combattere la stitichezza anche con la testa

Fastidi da non sottovalutare

I disturbi dell’apparato digerente rischiano di essere spesso sottodiagnosticati. Lo documenta un’indagine statunitense condotta su quasi 2.000 individui che presentavano sintomi gastrointestinali di diverso tipo e grado.
Fastidi da non sottovalutare

Il piccante che fa bene al peso

Basta un pizzico di peperoncino piccante nel piatto per moderare l’uso del sale in cucina, ridurre l’appetito e diminuire di peso. Il merito per queste tre azioni congiunte va alla capsaicina, alla quale si deve la tipica sensazione di bruciore e di cui vale la pena approfittare se non si soffre di gastrite.
Il piccante che fa bene al peso

Un solo vizio, tante virtù

Tra i frutti a guscio i pistacchi sono quelli che contengono più fibre: in 100 grammi ve ne sono più di 10, una quantità che supera quella presente nelle arachidi, nelle mandorle o nelle noci. Le proprietà che ne fanno un alimento salutare per eccellenza non finiscono qui.
Un solo vizio, tante virtù

Un cibo dai superpoteri

Ricche di acidi grassi omega-3 e di acido alfa-linolenico, di fibre e di antiossidanti, le noci riducono il rischio di malattie cardiovascolari, proteggono la salute del cervello, controllano l’obesità. E non solo.
Un cibo dai superpoteri

Lentezza è mezza magrezza

Consumare i pasti lentamente, assaporando ogni boccone, riduce il rischio di diventare obesi. La conferma che sia una pratica utile per rimanere in forma arriva dai risultati di uno studio pubblicato sulla rivista British Medical Journal condotto in Giappone su 60 mila persone e della durata di 6 anni.
Lentezza è mezza magrezza

Una questione “succosa”

Ai bambini il succo di frutta è generalmente più gradito della frutta fresca per la sua consistenza. Per questo motivo il succo rappresenta per i genitori una valida alternativa quale fonte naturale di vitamine, sali minerali e di fibre, soprattutto se il bambino soffre di intestino pigro.
Una questione “succosa”

La donna è più irritabile: lo dicono i geni

Per ogni uomo che soffre di sindrome del colon irritabile ci sono 3 donne che lamentano lo stesso disturbo. Si tratta di un problema molto diffuso nella popolazione che provoca sintomi particolarmente fastidiosi, tra cui gonfiore e dolore addominale, e le cui origini precise sono ancora tutte da scoprire.
La donna è più irritabile: lo dicono i geni

Il primo passo è idratare bene

Con l’arrivo della bella stagione e del caldo è fondamentale bere molti liquidi per garantire un’adeguata idratazione dell’organismo, che così svolge al meglio tutte le sue funzioni, tra cui anche quelle intestinali e digestive.
Il primo passo è idratare bene
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social