Menu utente
Chiudi menu
Primavera: è tempo di magnesio

Primavera: è tempo di magnesio

Con il rialzo delle temperature, l’arrivo della primavera si può accompagnare a gonfiore addominale, stanchezza, insonnia e irritabilità. Spesso dietro a questi disturbi c’è una carenza di magnesio, un minerale che svolge un ruolo chiave in numerose funzioni fisiologiche del nostro organismo ed è indispensabile per il suo buon funzionamento.

In particolare il minerale è essenziale per eliminare i liquidi in eccesso, influendo positivamente sulla circolazione e aiutando a combattere la ritenzione idrica, spesso responsabile del senso di pesantezza così frequente durante i mesi più caldi.

La richiesta di magnesio cresce soprattutto in alcuni momenti della vita femminile, come il periodo premestruale, la gravidanza, l’allattamento, ma anche con l’invecchiamento, in cui si riduce l’assorbimento di questo minerale e si aumenta la sua eliminazione.

Il fabbisogno giornaliero di magnesio è di circa 350 mg ed è facilmente soddisfatto grazie alla sua presenza in numerosi alimenti, tra cui:
  • verdure a foglia verde (crescione, spinaci, erbette, cicoria, rucola)
  • germe di grano, da mangiare non macinato, crusca e soia
  • frutta a guscio (noci, mandorle) e legumi secchi
  • cereali e farine integrali
  • cioccolato fondente e cacao amaro
  • tonno.
Per un apporto corretto meglio consumare gli alimenti freschi o crudi, perché la cottura riduce il contenuto di questo oligoelemento. Va da sé che l’assunzione di cibi ricchi in magnesio deve far parte di un’alimentazione ben bilanciata, che nei mesi primaverili dovrebbe iniziare ad alleggerirsi di grassi, arricchirsi di fibre e di frutta e vegetali di stagione.
Altri articoli che potrebbero interessarti

Una soluzione per l’ansia e i chili di troppo?

Assumere la giusta quantità di probiotici aiuterebbe non solo a perdere peso ma anche a controllare l’ansia.
Una soluzione per l’ansia e i chili di troppo?

Senza potassio l’intestino si impigrisce

Quando la stitichezza è accompagnata da crampi agli arti e da uno stato generale di spossatezza la causa potrebbe essere una carenza di potassio.
Senza potassio l’intestino si impigrisce

L’elisir di giovinezza intestinale

Digiunare per un giorno intero può essere molto positivo per la salute dell’intestino. A dirlo sono i risultati di uno studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) e recentemente pubblicato sulla rivista Cell Stem Cell.
L’elisir di giovinezza intestinale

Tumori: la dieta affianca la cura

Se esistono alimenti che sembrano in grado di allontanare il rischio di tumore (in particolare verdure e frutta), anche nei casi in cui la malattia è già stata diagnosticata un'alimentazione specifica è importante quanto una chemioterapia ben modulata.
Tumori: la dieta affianca la cura

Due biscotti per due obiettivi

Essere diabetici significa spesso anche soffrire di stitichezza. Ed è proprio questo connubio a rendere ancora più importante il ruolo della dieta, che dovrebbe favorire il controllo degli zuccheri e nello stesso tempo facilitare il transito intestinale.
Due biscotti per due obiettivi

Zuccheri da selezionare con cura

Chi soffre di intestino irritabile avrà certo familiarità con quel fastidioso gonfiore che spesso si presenta dopo aver mangiato qualche cucchiaino di miele o dopo avere ecceduto nel consumo di datteri o prugne, uva e fichi secchi.
Zuccheri da selezionare con cura

La serotonina è utile contro il gonfiore

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è un disturbo intestinale molto diffuso caratterizzato da dolore e gonfiore addominale e alterata funzionalità intestinale. L’origine dell’IBS è multifattoriale ed è stato dimostrato che fattori quali alterazione della motilità intestinale, aspetti emotivi, composizione del microbiota intestinale e dieta sono fondamentali nel suo sviluppo.
La serotonina è utile contro il gonfiore

C’è intolleranza e intolleranza

La principale causa per cui i latticini provocano gonfiore addominale è l’intolleranza al lattosio dovuta alla carenza dell’enzima lattasi che metabolizza questo zucchero. Tuttavia il grado di intolleranza al lattosio può variare anche sensibilmente da persona a persona.
C’è intolleranza e intolleranza

La disciplina che viene dal nord

Camminare fa bene a tutti, soprattutto se a passo alternato e con la spinta sui bastoncini. Per chi ha superato i 60 anni, la camminata con le racchette - o nordic walking - è ancor più raccomandata quale forma sicura di esercizio aerobico, che migliora la salute gastrointestinale oltre che quella cardiocircolatoria.
La disciplina che viene dal nord

Il benessere è nel picnic

Al parco, al mare o in montagna, con la bella stagione un pranzo all’aria aperta è la soluzione perfetta per mangiare piacevolmente immersi nella natura. Ecco qualche indicazione per un pasto sano e anti-calura estiva.
Il benessere è nel picnic

La quinoa: il “quasi cereale” dalle tante proprietà

In aggiunta alle zuppe e alle insalate, sottoforma di crocchette o trasformata in farina per pane e dolci: ci sono vari modi per gustare la quinoa, il vegetale tanto simile a riso, orzo e farro da essere classificato come “pseudocereale” o “falso cereale”.
La quinoa: il “quasi cereale” dalle tante proprietà

Dimagrisci per sempre aiutando il tuo intestino

Il segreto per perdere peso e non riacquistarlo mai più sembra essere racchiuso nel microbioma, l’insieme dei microrganismi che colonizzano l’intestino.
Dimagrisci per sempre aiutando il tuo intestino

Grassi da bandire

In una dieta sana ed equilibrata il 20-35% delle calorie complessive deriva dai grassi (noti anche come lipidi), che non devono mancare se si vuole rimanere in buona salute. Che siano insaturi, saturi o trans, i grassi alimentari sono tutti uguali per quanto riguarda le calorie che apportano. Sul piano qualitativo invece....
Grassi da bandire

Un aiuto per l’intestino

Piccoli, lucidi e dorati: sono i semi di lino, ricavati dal Linum Usitatissimum, una pianta dalle molteplici proprietà utilizzata fin dal tempo degli Egizi per uso tessile. Ne basta un cucchiaio ogni giorno accompagnato da qualche bicchiere d’acqua dire addio alla stitichezza.
Un aiuto per l’intestino

Per i piccoli il benessere è integrale

In età infantile un buon rimedio contro la stitichezza potrebbe essere la dieta ad alto contenuto di fibre. I benefici di un’alimentazione poco “raffinata” per l’intestino dei bambini e degli adolescenti sono stati dimostrati da una ricerca condotta recentemente in Olanda.
Per i piccoli il benessere è integrale

In aiuto agli eccessi

Capita a tutti di provare una sensazione di gonfiore dopo una cena o un pranzo con troppe portate e qualche bicchiere di vino in più. Bisogna sapere che tra gli alimenti del giorno dopo ce ne sono alcuni particolarmente utili per ritornare in forma.
In aiuto agli eccessi

Il moto regolare regolarizza

Se praticare regolarmente un po’ di moto per contrastare la stipsi è un ottimo consiglio per tutti, farlo in tarda età dovrebbe essere quasi la regola.
Il moto regolare regolarizza

I magnifici quattro

L’aria di primavera si sa è foriera di buone nuove, insieme però a qualche piccolo disturbo che eviteremmo volentieri. Sbalzi di temperatura e cambio dell’ora possono provocare infatti una serie di fastidi a livello dell’apparato digerente - uno dei più sensibili ai cambi di stagione - come la classica pancia gonfia e l’irritabilità intestinale.
I magnifici quattro

È primavera, svegliatevi intestini

La stitichezza si combatte - anche - con i germogli di broccolo, soprattutto adesso con l’arrivo della bella stagione. A dimostrare gli effetti benefici dei teneri virgulti sono i risultati di uno studio giapponese, che ha evidenziato come gli effetti intestinali benefici del broccolo sarebbero dovuti al sulforano, una molecola ad attività antiossidante contenuta in quantità elevate nei germogli.
È primavera, svegliatevi intestini

Proprietà terapeutiche del diario

Scrivere un diario può essere utile al benessere dell’intestino. Infatti “carta e penna” sembrano alleviare i sintomi della sindrome del colon irritabile, tra cui dolore addominale, stitichezza e gonfiore.
Proprietà terapeutiche del diario

Anche il microbiota ha un “peso” nella dieta

Se la dieta dimagrante non funziona potrebbe esserci problemi alla flora batterica intestinale. Infatti, quando i batteri dell’apparato gastrointestinale sono abituati a una dieta ricca di grassi, potrebbero ostacolare la perdita di peso se si passa a un regime alimentare ipocalorico.
Anche il microbiota ha un “peso” nella dieta

Se è raffinata va limitata

Consumare regolarmente alimenti a base di farine bianche può causare stitichezza e infiammazione dei tessuti. Anche se la farina è un prodotto che è parte integrante dell’alimentazione umana da centinaia d’anni, il processo di raffinazione riduce notevolmente le sue qualità nutrizionali.
Se è raffinata va limitata

Un legame da verificare

Chi soffre di stitichezza potrebbe avere una tendenza maggiore a sviluppare disturbi renali. Anche se si tratta di un’osservazione isolata, ad affermarlo è una ricerca dell’Università del Tennessee Health Science Center e del Memphis VA Medical Center.
Un legame da verificare

La salute è integrale

In caso di stitichezza ben venga il consumo di cereali come riso, grano, avena o orzo, purché integrali. A dimostrarlo è uno studio recentemente pubblicato sull’autorevole rivista American Journal of Clinical Nutrition, che ha valutato gli effetti di una dieta a base di cereali integrali o raffinati sulla salute intestinale di 81 adulti sani.
La salute è integrale
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social