Menu utente
Chiudi menu
Patata sì, purché dolce

Patata sì, purché dolce

Originarie delle Americhe ma da qualche tempo diffuse anche nel nostro Paese, le patate dolci - dette anche batate - sono un vero e proprio superfood grazie a un concentrato di proprietà benefiche per l’organismo, compresa la diminuzione dei gonfiori addominali e il miglioramento del transito intestinale.

Perfette per chi segue una dieta essendo prive di grassi e di colesterolo e con un bassissimo contenuto calorico (86 Kcal per 100 grammi), sono pure un’ottima fonte di vitamina A, D, C, manganese e di fibre. In particolare, le batate sono l’alimento più ricco di potassio che, contribuendo al rilassamento delle contrazioni muscolari, è in grado di ridurre il gonfiore addominale. Fornendo un buon apporto di fibre, aiutano anche a tenere sotto controllo la quantità di colesterolo e di zuccheri nel sangue oltre a garantire una regolare funzionalità intestinale. Particolarmente duttile in cucina, la batata si può consumare cotta a vapore o arrostita oppure utilizzare come base per creme o zuppe e per preparare dolci. A differenza della normale patata, la batata può essere gustata anche cruda, mantenendo così intatti i suoi importanti valori nutritivi. Si consiglia di consumare anche la buccia di queste radici tuberose dove sono maggiormente concentrate tutte le loro proprietà salutari.
Altri articoli che potrebbero interessarti

Preferire l’integrale per riequilibrare la flora

Il benessere dell’intestino si cura in primo luogo a tavola e il riso è uno dei cibi che non può mancare all’interno di un’alimentazione ben bilanciata e ricca di fibra, molto utile a riequilibrare la microflora intestinale in caso di stitichezza.
Preferire l’integrale per riequilibrare la flora

Più magri con i latticini a colazione

È ormai noto che per perdere peso bisogna prestare attenzione alla composizione dei tre pasti principali, a partire dalla colazione, che deve essere abbondante e ricca di proteine.
Più magri con i latticini a colazione

A ciascuno il suo nome

Sensazione di pancia gonfia, di essere pieni d’aria, di avere un peso all’addome: nel linguaggio comune termini come meteorismo, gonfiore e distensione addominale si usano spesso in maniera indifferenziata. La parola meteorismo, che deriva dal greco “meteorizo” cioè “sospeso nell’aria”, rimanda all’idea di gas, di aria, di qualcosa di leggero in espansione, ma è un termine generico ormai in disuso.
A ciascuno il suo nome

Pranzi in famiglia

Al bambino fa bene mangiare a tavola con mamma e papà. Uno studio canadese condotto dall’Università di Montreal su circa 1.500 bambini di 10 anni ha dimostrato che quelli che abitualmente trascorrevano il tempo dedicato al pranzo o alla cena in compagnia dei genitori, dei fratelli o dei babysitter avevano una salute psicofisica generale migliore, consumavano meno bevande gassate ed erano emotivamente più sicuri di quelli che mangiavano ogni giorno da soli.
Pranzi in famiglia

Le giuste combinazioni

Il gonfiore addominale è un disturbo molto diffuso, in particolare tra le donne, e viene percepito come una costante e fastidiosa sensazione di pienezza che nella maggior parte dei casi è dovuta a un accumulo di aria a livello intestinale.
Le giuste combinazioni

Virtuose se solubili

Comunemente si crede che una dieta ricca di fibre, specie se associata all’ingestione di molta acqua, sia utile a ridurre il gonfiore addominale e il meteorismo grazie alla regolarizzazione delle funzioni dell’intestino. È vero invece che un eccesso di fibre può peggiorare la pigrizia intestinale e quindi facilitare l’accumulo di gas, soprattutto nell’anziano, che può risentire a causa dell’età di una funzionalità intestinale compromessa.
Virtuose se solubili

Il benessere viene dal cavolo nero

Reperibile da novembre fino ad aprile soprattutto nelle regioni centrali e meridionali della nostra penisola, il cavolo nero rappresenta una di quelle verdure che non dovrebbe mai mancare sulle nostre tavole in questa stagione dell’anno.
Il benessere viene dal cavolo nero

La dieta anticrisi per gli anziani

Una dieta sana ed equilibrata, commisurata alle esigenze dell'età è fondamentale anche per le età più avanzate, ma in questi tempi di crisi gli anziani fanno fatica ad arrivare a fine mese e sono sempre più a rischio di malnutrizione.
La dieta anticrisi per gli anziani

Dieta e sedentarietà cronicizzano la stipsi

Seguire una dieta scorretta e restare seduti molte ore al giorno aumenta il rischio di soffrire di costipazione cronica.
Dieta e sedentarietà cronicizzano la stipsi

Se non è glutine sarà fruttano?

Il gonfiore addominale di cui molte persone soffrono dopo aver ingerito alimenti contenenti frumento potrebbe essere dovuto a una particolare sensibilità al fruttano e non al glutine come comunemente si crede.
Se non è glutine sarà fruttano?

Intolleranza al lattosio

I sintomi delle persone affette da intolleranza al lattosio possono includere dolore addominale, gonfiore addominale, gas, diarrea e nausea. Tali sintomi possono essere gestiti con la modifica delle abitudini alimentari.
Intolleranza al lattosio

Dalle mele un aiuto contro il gonfiore

L’aceto di mele, prodotto dal sidro o dal mosto di mela, è ricco di proprietà benefiche per il nostro organismo. In particolare, può essere utile in caso di gonfiore addominale e di disfunzioni intestinali come la disbiosi, grazie alla presenza di pectina e di probiotici che favoriscono il ripristino dell’equilibrio della flora batterica intestinale contrastando l’attività dei batteri cosiddetti “cattivi”.
Dalle mele un aiuto contro il gonfiore

Ridurre il gonfiore controllando l’infiammazione

È risaputo che l’infiammazione da cibo dovuta a un’intolleranza alimentare è spesso responsabile della sensazione di gonfiore e di pesantezza a livello dell’addome.
Ridurre il gonfiore controllando l’infiammazione

Sì alle fibre anche nel weekend

Tutta la settimana a dieta e poi dal venerdì alla domenica si scordano frutta e verdura e si da via libera al cosiddetto junk food. Oltre all’inevitabile e dannoso effetto yo-yo sul peso, i weekend senza regole alimentari danneggiano l’intestino e i preziosi batteri che lo popolano, fra i primi responsabili del nostro benessere.
Sì alle fibre anche nel weekend

Il transito lo regolano i batteri

La stitichezza cronica è una condizione diffusa, che secondo le stime ufficiali riguarda fino al 20% della popolazione generale. Una delle aree su cui si sta concentrando l’interesse dei gastroenterologi per comprenderne le cause ancora poco note è quella del microbiota, l’insieme dei microrganismi che colonizza il tratto intestinale.
Il transito lo regolano i batteri

Meno mangi meno invecchi

Mangiare meno può aiutare a rimanere giovani. Ridurre le calorie introdotte ogni giorno potrebbe infatti ritardare il processo di invecchiamento delle cellule perché rallenterebbe l’attività dei ribosomi, organelli cellulari responsabili della produzione di proteine.
Meno mangi meno invecchi

La varietà è amica della pancia

Sulla nostra tavola spesso compaiono gli stessi cibi o ingredienti, anche se talvolta sono in forma nascosta.
La varietà è amica della pancia

Strategie da rientro

È ormai settembre: il rientro dalle vacanze ha portato con sé un intestino più pigro del solito. La causa è da cercare nelle abitudini alimentari non sempre salutari tipiche del periodo estivo. Ritrovare la normalità non è difficile, basta recuperare uno stile di vita un po’ più sobrio.
Strategie da rientro

Il segreto della linea è francese

In tema di controllo del peso, il modello francese sembra essere quello vincente: tre pasti al giorno, a orari fissi, seduti a tavola, con altre persone, in piacevole compagnia. Chi aderisce maggiormente a questo stile alimentare, che tanto rispecchia la cultura del bacino mediterraneo, ha minori probabilità di essere sovrappeso o obeso.
Il segreto della linea è francese

Frutta: quale e quando

È risaputo che consumare la frutta lontano dai pasti aiuta a diminuire il gonfiore addominale che affligge molte persone nel dopopranzo o dopocena. Il consiglio è di utilizzarla cotta oppure fresca come spuntino mattutino o pomeridiano.
Frutta: quale e quando

Quando la cura inizia a tavola

Le emorroidi sono normali strutture anatomiche situate nella parte terminale del retto dove contribuiscono a migliorare la continenza anale. Tuttavia quando le emorroidi si gonfiano o si infiammano possono dar luogo ai fastidiosi sintomi che caratterizzano la malattia emorroidaria.
Quando la cura inizia a tavola

Ideale anche contro la fragilità

La dieta mediterranea è un vero e proprio toccasana per gli anziani, ricucendo il loro rischio di diventare fragili.
Ideale anche contro la fragilità

Ricordi dannosi

Si parla ormai dell’intestino come del secondo cervello....
Ricordi dannosi

Combattere la stitichezza anche con la testa

Soffrire di stipsi può indurre a chiudersi in sé stessi e persino a provare un senso di colpa per il disturbo.
Combattere la stitichezza anche con la testa
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social