Menu utente
Chiudi menu
Riconoscere e prevenire la disbiosi

Riconoscere e prevenire la disbiosi

Immagine 1La disbiosi è un disturbo assai frequente che riguarda l'intestino e che consiste nell'alterazione della flora batterica intestinale. Esso è caratterizzato da sintomi classici quali dolore e gonfiore addominale, digestione lenta, stipsi, meteorismo, ai quali si accompagnano spesso infezioni vaginali ricorrenti, stanchezza, gengivite, cefalea.

Le abitudini alimentari scorrette sono tra le principali responsabili di questo disturbo: particolarmente dannose sono le diete povere in fibre e ricche di cibi raffinati e denaturati, soprattutto se consumate in fretta.

Un'altra causa è la presenza negli alimenti di conservanti e di coloranti oltre che l'abuso di farmaci quali antibiotici, sulfamidici, corticosteroidi, lassativi o anticoncezionali; anche le infezioni intestinali o le parassitosi possono contribuire allo squilibrio dell'ecosistema intestinale. A lungo termine la disbiosi potrebbe dare origine a disturbi legati alla funzionalità epatica e renale dovute alla produzione intestinale di sostanze tossiche e dannose per il fegato e il rene.

Oggi sono disponibili test diagnostici basati sul dosaggio di due metaboliti prodotti dalla digestione delle proteine nell'intestino - l'indicano e lo scatolo - nelle urine. L'impiego di probiotici e di prebiociti in associazione aiuta la flora batterica a ritrovare il corretto equilibrio funzionale.

Altri articoli che potrebbero interessarti

In difesa dei batteri intestinali “buoni”

Il mango sembra essere in grado di proteggere dagli effetti dannosi di una dieta ricca di grassi le specie di batteri benefiche presenti nell’intestino.
In difesa dei batteri intestinali “buoni”

Tante le cause per un solo problema

Le cause associate alla spiacevole sensazione di gonfiore addominale sono numerose: qui di seguito sono elencate le principali...
Tante le cause per un solo problema

Preferire l’integrale per riequilibrare la flora

Il benessere dell’intestino si cura in primo luogo a tavola e il riso è uno dei cibi che non può mancare all’interno di un’alimentazione ben bilanciata e ricca di fibra, molto utile a riequilibrare la microflora intestinale in caso di stitichezza.
Preferire l’integrale per riequilibrare la flora

Non tutti i gas vengono per nuocere

Abiti che tirano nel girovita, una sensazione di pienezza generalizzata, quel fastidioso gonfiore addominale: succede quando un eccesso di gas si accumula nell’intestino.
Non tutti i gas vengono per nuocere

Cibo che mangi, odore che senti

Da dove nasce l’odore delle feci? Non si tratta di curiosità morbosa, ma piuttosto di conoscere i processi che sono alla base della salute gastrointestinale.
Cibo che mangi, odore che senti

Evviva la varietà, anche se batterica

Praticare regolarmente un’attività sportiva ha un effetto benefico sul microbiota intestinale, favorendo la funzionalità dell’intestino e migliorando così anche i problemi di stitichezza.
Evviva la varietà, anche se batterica

Il segreto è riposto nella madre

Il pane, simbolo di appartenenza culturale e di convivialità, vive oggi un momento di scarsa popolarità: gli sono attribuite infatti una bassa digeribilità e soprattutto un’eccessiva ricchezza di amidi e di calorie, che lo renderebbero poco adatto ai regimi dietetici ipocalorici.
Il segreto è riposto nella madre

Rimedi antichi, benefici senza tempo

Combattere la stitichezza con le prugne secche non è solo una pillola di saggezza dei nostri nonni.
Rimedi antichi, benefici senza tempo

Un concentrato di benefici

Conosciuto soprattutto per il suo effetto drenante e per la sua capacità di ridurre il colesterolo e di rafforzare le difese immunitarie, il pompelmo è ricco di sostanze benefiche anche per l’apparato gastrointestinale.
Un concentrato di benefici

La salute dell’intestino e' nel microbioma

La dieta, i farmaci, le malattie e tanti altri fattori esterni come il consumo di alcool o di sigarette - in altre parole gli stili di vita - differenziano e caratterizzano il microbioma, l’insieme dei microrganismi che colonizzano l’intestino di ogni individuo.
La salute dell’intestino e' nel microbioma

La buccia fa bene anche all’intestino

Il famoso detto “una mela al giorno leva il medico di torno” è sempre valido, ma andrebbe modificato aggiungendo che i vantaggi per la salute di mangiare una mela sono ancora più marcati se si consuma con la buccia.
La buccia fa bene anche all’intestino

Per migliorare bisogna eliminare

La dieta quotidiana è importante per alleviare i sintomi gastrointestinali, quali gonfiore, dolore addominale, diarrea e stitichezza, associati alla sindrome dell’intestino irritabile (IBS).
Per migliorare bisogna eliminare

L’immobilità non giova all’intestino

Tra le varie cause che possono provocare la stitichezza ci sono anche le variazioni delle abitudini di vita, come lo scarso esercizio fisico o l’immobilità prolungata.
L’immobilità non giova all’intestino

Le foglie verdi che aiutano i batteri amici

Viene da un recentissimo studio anglo-australiano l’ennesima conferma del ruolo benefico che le verdure esercitano sul nostro benessere intestinale.
Le foglie verdi che aiutano i batteri amici

Perché il caffè aiuta ad andare in bagno

È risaputo che bere 2-3 caffè al giorno è un ottimo rimedio contro la stitichezza perché contribuisce a migliorare il transito intestinale, favorendo sia i processi digestivi sia la motilità dell’intestino.
Perché il caffè aiuta ad andare in bagno

Meno zuccheri per un intestino leggero

Terminano spesso con la desinenza -osio e si trovano naturalmente nei cibi, anche se in quantità diverse: sono il raffinosio, il lattosio e il fruttosio gli zuccheri che causano più facilmente gonfiore addominale.
Meno zuccheri per un intestino leggero

Pancia gonfia in menopausa

Tra i vari cambiamenti del corpo a cui la donna può andare incontro quando entra in menopausa c’è anche quello del gonfiore addominale.
Pancia gonfia in menopausa

Quando "fare pressione" fa bene

Una leggera pressione esercitata quotidianamente sulla pancia può sortire effetti positivi sulla risoluzione dei problemi di stitichezza.
Quando "fare pressione" fa bene

Proteggere l'intestino nel cambio di stagione

Una buona abitudine soprattutto durante il cambio di stagione autunno-inverno consiste nel fare la cosiddetta “pulizia di terreno” usando rimedi naturali e probiotici: ripulire e riattivare fegato ed intestino ci aiuta a reagire meglio agli attacchi di virus e batteri, maggiori cause delle patologie stagionali.
Proteggere l'intestino nel cambio di stagione

La riabilitazione possibile

Quando la stitichezza è causata da una difficoltà a evacuare per disturbi della muscolatura del pavimento pelvico c’è una metodica da cui il paziente può trarre notevole giovamento: il biofeedback.
La riabilitazione possibile

Non solo antistitichezza

Considerata il frutto antistitichezza per eccellenza, la prugna possiede una serie di proprietà benefiche per tutto l’organismo.
Non solo antistitichezza

Un problema tipico degli anziani

La diffusione della stitichezza aumenta all’aumentare dell’età della popolazione e pertanto si tratta di un problema che in futuro interesserà sempre di più il mondo occidentale e il nostro Paese in particolare.
Un problema tipico degli anziani

Colpa del nichel?

Se mal di pancia e gonfiore addominale si associano a disturbi come orticaria o prurito diffuso possono essere campanelli d’allarme di allergia al nichel.
Colpa del nichel?

Una questione di genere

Le intolleranze alimentari, come quella al lattosio e al glutine che sono le più diffuse, appartengono a un vasto gruppo di disturbi cosiddetti “reazioni avverse al cibo”.
Una questione di genere
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social Alfa Wassermann
Alfa Wassermann