Menu utente
Chiudi menu
Riconoscere e prevenire la disbiosi

Riconoscere e prevenire la disbiosi

Immagine 1La disbiosi è un disturbo assai frequente che riguarda l'intestino e che consiste nell'alterazione della flora batterica intestinale. Esso è caratterizzato da sintomi classici quali dolore e gonfiore addominale, digestione lenta, stipsi, meteorismo, ai quali si accompagnano spesso infezioni vaginali ricorrenti, stanchezza, gengivite, cefalea.

Le abitudini alimentari scorrette sono tra le principali responsabili di questo disturbo: particolarmente dannose sono le diete povere in fibre e ricche di cibi raffinati e denaturati, soprattutto se consumate in fretta.

Un'altra causa è la presenza negli alimenti di conservanti e di coloranti oltre che l'abuso di farmaci quali antibiotici, sulfamidici, corticosteroidi, lassativi o anticoncezionali; anche le infezioni intestinali o le parassitosi possono contribuire allo squilibrio dell'ecosistema intestinale. A lungo termine la disbiosi potrebbe dare origine a disturbi legati alla funzionalità epatica e renale dovute alla produzione intestinale di sostanze tossiche e dannose per il fegato e il rene.

Oggi sono disponibili test diagnostici basati sul dosaggio di due metaboliti prodotti dalla digestione delle proteine nell'intestino - l'indicano e lo scatolo - nelle urine. L'impiego di probiotici e di prebiociti in associazione aiuta la flora batterica a ritrovare il corretto equilibrio funzionale.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Piccoli, ma spesso costipati

L’intestino pigro è una problematica comune anche tra i bambini, colpendo mediamente il 12% della popolazione pediatrica e arrivando a toccare anche tassi di incidenza del 30%.
Piccoli, ma spesso costipati

Un nuovo organo nell’“universo” umano

Se la scoperta di un pianeta sconosciuto desta stupore e meraviglia, quella di un organo del corpo umano non è da meno.
Un nuovo organo nell’“universo” umano

Quando calano le difese l’intestino ne soffre

Dietro al gonfiore addominale ci può essere anche un ospite benigno dell’intestino.
Quando calano le difese l’intestino ne soffre

Quando la forma riflette la sostanza

A palline o tubulari? Di consistenza dura oppure morbida? Descrivere al medico l’aspetto delle feci, se da un lato può essere imbarazzante, dall’altro offre al curante una buona chiave di lettura per capire come funziona il nostro intestino.
Quando la forma riflette la sostanza

Un gonfiore particolare ma spiegabile

Uno studio ha rivelato le basi biologiche dei sintomi gastrointestinali, tra i quali anche gonfiore e dolore addominale, ed extraintestinali di chi soffre della cosiddetta sensibilità al glutine non celiaca.
Un gonfiore particolare ma spiegabile

Il moto regolare regolarizza

Se praticare regolarmente un po’ di moto per contrastare la stipsi è un ottimo consiglio per tutti, farlo in tarda età dovrebbe essere quasi la regola.
Il moto regolare regolarizza

Combattere la stitichezza anche con la testa

Soffrire di stipsi può indurre a chiudersi in sé stessi e persino a provare un senso di colpa per il disturbo.
Combattere la stitichezza anche con la testa

La varietà è amica della pancia

Sulla nostra tavola spesso compaiono gli stessi cibi o ingredienti, anche se talvolta sono in forma nascosta.
La varietà è amica della pancia

Le buone abitudini da mettere in valigia

I disturbi intestinali, e in particolare il gonfiore addominale e i crampi, possono peggiorare durante le vacanze, soprattutto se si viaggia in Paesi tropicali in cui l’alimentazione è molto diversa da quella mediterranea e le condizioni igieniche possono essere carenti.
Le buone abitudini da mettere in valigia

Primavera: è tempo di magnesio

Con il rialzo delle temperature, l’arrivo della primavera si può accompagnare a gonfiore addominale, stanchezza, insonnia e irritabilità. Spesso dietro a questi disturbi c’è una carenza di magnesio, un minerale che svolge un ruolo chiave in numerose funzioni fisiologiche del nostro organismo ed è indispensabile per il suo buon funzionamento.
Primavera: è tempo di magnesio

Una trasmissione essenziale per la crescita

I batteri che si insediano nell’intestino dei neonati alla nascita provengono dalla madre che inizia a trasmetterli già prima del parto? Una ricerca tutta italiana ha cercato di rispondere a un quesito su cui la comunità scientifica dibatte da diverso tempo.
Una trasmissione essenziale per la crescita

Batteri ed Alzheimer: una relazione pericolosa

Per la prima volta uno studio dimostra l’esistenza di un collegamento diretto tra i batteri intestinali, lo sviluppo e la progressione della malattia di Alzheimer.
Batteri ed Alzheimer: una relazione pericolosa

Probiotici - principi e uso nella pratica medica

Questo libro, frutto della collaborazione di specialisti in varie discipline mediche, vuole offrire una guida dettagliata, aggiornata e basata su evidenze scientifiche, sulla ricerca relativa al microbiota - cioè l’insieme delle numerose specie batteriche che vivono in simbiosi con l’uomo - e nel contempo fare chiarezza sull’impiego corretto dei probiotici sia nella prevenzione sia nella terapia di numerose patologie.
Probiotici - principi e uso nella pratica medica

Anche il microbiota ha un “peso” nella dieta

Se la dieta dimagrante non funziona potrebbe esserci problemi alla flora batterica intestinale. Infatti, quando i batteri dell’apparato gastrointestinale sono abituati a una dieta ricca di grassi, potrebbero ostacolare la perdita di peso se si passa a un regime alimentare ipocalorico.
Anche il microbiota ha un “peso” nella dieta

Un aiuto per l’intestino

Piccoli, lucidi e dorati: sono i semi di lino, ricavati dal Linum Usitatissimum, una pianta dalle molteplici proprietà utilizzata fin dal tempo degli Egizi per uso tessile. Ne basta un cucchiaio ogni giorno accompagnato da qualche bicchiere d’acqua dire addio alla stitichezza.
Un aiuto per l’intestino

Non è questione di ormoni

Nella popolazione adulta è noto che la stitichezza colpisce più la donna dell’uomo. La comunità scientifica si è chiesta se questa differenza possa essere attribuita a fattori ormonali.
Non è questione di ormoni

Il fermento è un portento

Un cibo antico, naturale e altamente digeribile può rivelarsi un utile alleato contro il gonfiore intestinale. Si tratta del kefir, un latte fermentato di origine caucasica, ricco in microrganismi benefici in grado di arrivare all’intestino ancora vivi e apportare così benefici al microbiota intestinale.
Il fermento è un portento

Stitici e intossicati?

Che la stitichezza - soprattutto quella ostinata - causi la produzione di tossine a loro volta responsabili di malesseri non solo intestinali è un convinzione diffusa che in realtà non ha fondamenti scientifici.
Stitici e intossicati?

In gioco la qualità di vita

La stitichezza è un disturbo diffuso non solo nell’adulto e nell’anziano ma anche nel bambino, e spesso sottovalutato, anche perché la sua definizione non è sempre facile. Eppure l’impatto che ha sulla qualità della vita è notevole, addirittura paragonabile a quello di altre malattie croniche come allergie o reflusso gastroesofageo.
In gioco la qualità di vita

Un legame da verificare

Chi soffre di stitichezza potrebbe avere una tendenza maggiore a sviluppare disturbi renali. Anche se si tratta di un’osservazione isolata, ad affermarlo è una ricerca dell’Università del Tennessee Health Science Center e del Memphis VA Medical Center.
Un legame da verificare

Virtuose se solubili

Comunemente si crede che una dieta ricca di fibre, specie se associata all’ingestione di molta acqua, sia utile a ridurre il gonfiore addominale e il meteorismo grazie alla regolarizzazione delle funzioni dell’intestino. È vero invece che un eccesso di fibre può peggiorare la pigrizia intestinale e quindi facilitare l’accumulo di gas, soprattutto nell’anziano, che può risentire a causa dell’età di una funzionalità intestinale compromessa.
Virtuose se solubili

L’irritazione è genetica

La sindrome del colon irritabile è uno dei più comuni disturbi gastrointestinali, associato a sintomi come gonfiore addominale, dolore e stitichezza. Le persone che ne soffrono correlano questi sintomi al consumo di alcuni cibi, in particolare i carboidrati ad alta fermentazione.
L’irritazione è genetica

In aiuto agli eccessi

Capita a tutti di provare una sensazione di gonfiore dopo una cena o un pranzo con troppe portate e qualche bicchiere di vino in più. Bisogna sapere che tra gli alimenti del giorno dopo ce ne sono alcuni particolarmente utili per ritornare in forma.
In aiuto agli eccessi

Restrittivi con cautela

Spesso si associa il gonfiore addominale all’assunzione di prodotti a base di grano o di latticini. Il peggioramento dei sintomi influenza la qualità di vita, si comincia con l’eliminare qualche alimento, ma il rischio quasi inevitabile è quello di privarsi di intere classi alimentari senza risultati.
Restrittivi con cautela
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social Alfa Wassermann
Alfa Wassermann