Menu utente
Chiudi menu
Riconoscere e prevenire la disbiosi

Riconoscere e prevenire la disbiosi

Immagine 1La disbiosi è un disturbo assai frequente che riguarda l'intestino e che consiste nell'alterazione della flora batterica intestinale. Esso è caratterizzato da sintomi classici quali dolore e gonfiore addominale, digestione lenta, stipsi, meteorismo, ai quali si accompagnano spesso infezioni vaginali ricorrenti, stanchezza, gengivite, cefalea.

Le abitudini alimentari scorrette sono tra le principali responsabili di questo disturbo: particolarmente dannose sono le diete povere in fibre e ricche di cibi raffinati e denaturati, soprattutto se consumate in fretta.

Un'altra causa è la presenza negli alimenti di conservanti e di coloranti oltre che l'abuso di farmaci quali antibiotici, sulfamidici, corticosteroidi, lassativi o anticoncezionali; anche le infezioni intestinali o le parassitosi possono contribuire allo squilibrio dell'ecosistema intestinale. A lungo termine la disbiosi potrebbe dare origine a disturbi legati alla funzionalità epatica e renale dovute alla produzione intestinale di sostanze tossiche e dannose per il fegato e il rene.

Oggi sono disponibili test diagnostici basati sul dosaggio di due metaboliti prodotti dalla digestione delle proteine nell'intestino - l'indicano e lo scatolo - nelle urine. L'impiego di probiotici e di prebiociti in associazione aiuta la flora batterica a ritrovare il corretto equilibrio funzionale.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Ruoli da approfondire

È ormai dimostrato che il microbiota intestinale, la comunità di microrganismi che colonizza l’intestino, svolge un ruolo nell’insorgenza di alcuni sintomi gastrointestinali, gonfiore addominale compreso. Meno chiari sono i meccanismi alla base di questo sintomo così fastidioso.
Ruoli da approfondire

Benefici di stagione

I fichi, frutti presenti in tutto il bacino del Mediterraneo dall’estate all’autunno a seconda delle varietà, sono storicamente raccomandati per le loro proprietà benefiche in molti disturbi intestinali, compresa la stitichezza.
Benefici di stagione

Notizie dal Sol Levante

Il gonfiore addominale è ritenuto il sintomo più fastidioso da chi soffre di intestino irritabile, in Occidente quanto in Oriente. Ai dati statunitensi, secondo i quali a mettere il gonfiore al primo posto sarebbe circa il 60% dei pazienti, si aggiunge infatti uno studio giapponese di ampie dimensioni, condotto su 30.000 adulti affetti da colon irritabile.
Notizie dal Sol Levante

È tempo di caldarroste

Insieme ai suoi colori l’autunno è arrivato con una gerla piena di deliziosi frutti di stagione: castagne, uva, fichi, cachi. Le castagne in particolare, oltre a essere la gioia di adulti e bambini, sono un valido aiuto contro la stitichezza dei più piccoli.
È tempo di caldarroste

Questione di tempi

Maggiore è il tempo impiegato dal cibo per attraversare l’intero tratto intestinale, maggiore è la quantità dei prodotti di degradazione batterica che possono danneggiare l’apparato digerente.
Questione di tempi

Cambio di dieta: sì, ma con lentezza

Il passaggio drastico da un’alimentazione tipicamente occidentale, per lo più a base di cibi raffinati e di origine animale, a una dieta vegetariana implica un cambiamento drastico nel consumo giornaliero di fibra: dai 15-20 grammi assunti abitualmente si arriva facilmente a 70 grammi, per lo più derivati da legumi, cereali integrali, frutta e verdura.
Cambio di dieta: sì, ma con lentezza

La digeribilità vien mangiando

Fagioli, lenticchie, piselli e ceci: come farne a meno se si soffre di gonfiore addominale, proprio adesso che con i primi freddi si pregusta il piacere di una zuppa calda e nutriente?
La digeribilità vien mangiando

La salute è integrale

In caso di stitichezza ben venga il consumo di cereali come riso, grano, avena o orzo, purché integrali. A dimostrarlo è uno studio recentemente pubblicato sull’autorevole rivista American Journal of Clinical Nutrition, che ha valutato gli effetti di una dieta a base di cereali integrali o raffinati sulla salute intestinale di 81 adulti sani.
La salute è integrale

Quando il transito è allungato

La stitichezza è una condizione molto diffusa, che può essere causata da un rallentamento della motilità intestinale e dal conseguente allungamento dei tempi di transito, soprattutto negli anziani.
Quando il transito è allungato

Zuccheri da selezionare con cura

Chi soffre di intestino irritabile avrà certo familiarità con quel fastidioso gonfiore che spesso si presenta dopo aver mangiato qualche cucchiaino di miele o dopo avere ecceduto nel consumo di datteri o prugne, uva e fichi secchi.
Zuccheri da selezionare con cura

Dieta e microbiota. Alimenti, batteri, probiotici e salute

Mangiate dolci in maniera compulsiva? Alcuni farmaci si dimostrano poco efficaci? Siete spesso di cattivo umore o eccessivamente ansiosi? Potrebbe essere colpa dei batteri che vivono nel vostro intestino.
Dieta e microbiota. Alimenti, batteri, probiotici e salute

Un microbiota antiage

Gli ultranziani che hanno superato l’età di 90 anni in ottima salute hanno una popolazione di batteri intestinali molto simile a quella di un trentenne. Lo dimostra uno studio canadese-cinese condotto su oltre 1.000 cinesi di età diverse, selezionati per la loro salute di ferro.
Un microbiota antiage

Prove di comunicazione

Che esista un dialogo tra il microbiota intestinale, l’insieme dei microrganismi che colonizza l’intestino dell’uomo, e alcune aree cerebrali legate alle emozioni è ormai noto. Resta da capire “come” tale dialogo avvenga.
Prove di comunicazione

Una contraddizione solo apparente

Si sa che le mandorle, e in generale la frutta secca a guscio, sono molto caloriche. Non proprio quello che ci vuole per una dieta dimagrante. Eppure sembra essere vero il contrario: nei regimi ipocalorici le mandorle aiuterebbero a ridurre i grassi.
Una contraddizione solo apparente

Semplici abitudini per un buon risveglio

Se capita di sentire quella sgradevole sensazione di gonfiore addominale già al risveglio mattutino ci sono semplici consigli utili a prevenire un disturbo che può creare problemi durante la giornata.
Semplici abitudini per un buon risveglio

Stipsi e rischio di danni renali

La stitichezza è un disturbo molto frequente che, soprattutto nei casi più gravi, può avere anche importanti ricadute sulla salute. Per esempio è stato documentato che la stipsi può aumentare il rischio individuale di sviluppare malattie cardiovascolari, probabilmente come conseguenza di un’alterazione della flora batterica intestinale.
Stipsi e rischio di danni renali

Guerra intestinale a colpi di ossigeno

Una dieta ricca di fibre è fondamentale per assicurare l’adeguata motilità intestinale, che spesso è alterata in caso di stitichezza. Se da un lato è risaputo che le fibre fanno bene all’intestino perché aiutano i batteri benefici, dall’altro finora non era ben chiaro il meccanismo attraverso cui svolgono la loro azione.
Guerra intestinale a colpi di ossigeno

La serotonina è utile contro il gonfiore

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è un disturbo intestinale molto diffuso caratterizzato da dolore e gonfiore addominale e alterata funzionalità intestinale. L’origine dell’IBS è multifattoriale ed è stato dimostrato che fattori quali alterazione della motilità intestinale, aspetti emotivi, composizione del microbiota intestinale e dieta sono fondamentali nel suo sviluppo.
La serotonina è utile contro il gonfiore

Dieta e sedentarietà cronicizzano la stipsi

Seguire una dieta scorretta e restare seduti molte ore al giorno aumenta il rischio di soffrire di costipazione cronica.
Dieta e sedentarietà cronicizzano la stipsi

Riconosciuti i benefici delle prugne secche

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare ha ufficialmente riconosciuto l’effetto benefico delle prugne secche sulla salute intestinale, dichiarando che contribuiscono al regolare funzionamento dell’apparato digerente.
Riconosciuti i benefici delle prugne secche

L’intestino sta meglio al fresco

In genere la pancia gonfia che spesso si presenta con i primi caldi per poi sparire quando la temperatura inizia a rinfrescarsi è la diretta conseguenza di un’alimentazione diversa dal solito, che vede un maggiore consumo di verdure, per lo più crude, bibite addizionate con gas, bevande fredde, frullati, frappé, gelati, cibi ricchi di dolcificanti artificiali.
L’intestino sta meglio al fresco

Bimbi più forti se i batteri sono equilibrati

La colonizzazione microbica dell’intestino durante l’infanzia determina lo sviluppo e il buon funzionamento del sistema immunitario. Un microbiota in equilibrio corretto rafforzerà le loro difese dalle malattie anche in età adulta mentre un microbiota alterato li esporrà a patologie di diversa natura, incluse le allergie e i disturbi autoimmuni.
Bimbi più forti se i batteri sono equilibrati

I batteri intestinali

I batteri sono la chiave per vivere in salute. Essi sono fondamentali non solo per la digestione dei cibi, per il sistema immunitario e il bilancio vitaminico, ma anche per lo sviluppo di ciascun individuo.
I batteri intestinali

La sclerosi multipla nasce nell’intestino

Uno studio dell’Ospedale San Raffaele di Milano svela un possibile ruolo chiave del microbiota nell’origine della malattia neurologica.
La sclerosi multipla nasce nell’intestino
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social