Menu utente
Chiudi menu
Riconoscere e prevenire la disbiosi

Riconoscere e prevenire la disbiosi

Immagine 1La disbiosi è un disturbo assai frequente che riguarda l'intestino e che consiste nell'alterazione della flora batterica intestinale. Esso è caratterizzato da sintomi classici quali dolore e gonfiore addominale, digestione lenta, stipsi, meteorismo, ai quali si accompagnano spesso infezioni vaginali ricorrenti, stanchezza, gengivite, cefalea.

Le abitudini alimentari scorrette sono tra le principali responsabili di questo disturbo: particolarmente dannose sono le diete povere in fibre e ricche di cibi raffinati e denaturati, soprattutto se consumate in fretta.

Un'altra causa è la presenza negli alimenti di conservanti e di coloranti oltre che l'abuso di farmaci quali antibiotici, sulfamidici, corticosteroidi, lassativi o anticoncezionali; anche le infezioni intestinali o le parassitosi possono contribuire allo squilibrio dell'ecosistema intestinale. A lungo termine la disbiosi potrebbe dare origine a disturbi legati alla funzionalità epatica e renale dovute alla produzione intestinale di sostanze tossiche e dannose per il fegato e il rene.

Oggi sono disponibili test diagnostici basati sul dosaggio di due metaboliti prodotti dalla digestione delle proteine nell'intestino - l'indicano e lo scatolo - nelle urine. L'impiego di probiotici e di prebiociti in associazione aiuta la flora batterica a ritrovare il corretto equilibrio funzionale.

Altri articoli che potrebbero interessarti

C’è intolleranza e intolleranza

La principale causa per cui i latticini provocano gonfiore addominale è l’intolleranza al lattosio dovuta alla carenza dell’enzima lattasi che metabolizza questo zucchero. Tuttavia il grado di intolleranza al lattosio può variare anche sensibilmente da persona a persona.
C’è intolleranza e intolleranza

Il potere delle vibrazioni

Una piccola capsula vibrante che si muove lungo il tratto gastrointestinale potrebbe rivelarsi tra qualche anno una soluzione efficace per chi soffre di stitichezza cronica.
Il potere delle vibrazioni

Una solidità indesiderata

Quando la digestione funziona nel modo corretto una volta avvenuto l’assorbimento delle sostanze nutritive i residui sono escreti attraverso il tubo digerente. A volte però questo processo si inceppa e le feci, invece di transitare grazie ai movimenti della parete intestinale, prima si compattano nel colon poi si disidratano ulteriormente, solidificandosi completamente e ostruendo il passaggio delle feci di nuova formazione.
Una solidità indesiderata

Ridurre il gonfiore controllando l’infiammazione

È risaputo che l’infiammazione da cibo dovuta a un’intolleranza alimentare è spesso responsabile della sensazione di gonfiore e di pesantezza a livello dell’addome.
Ridurre il gonfiore controllando l’infiammazione

Le ricette per vincere il gonfiore addominale

Quando ci si sente gonfi e appesantiti spesso non è una questione di chili di troppo, ma di disturbi intestinali dovuti a una dieta sbagliata. La buona notizia è che, il più delle volte, si possono eliminare i gonfiori e ridurre il girovita in poco tempo, semplicemente apportando alcune modifiche alle proprie abitudini alimentari.
Le ricette per vincere il gonfiore addominale

Anche l’intestino ha un cervello

La pancia è la sede di un secondo cervello - cosiddetto “cervello addominale” - che non solo si scambia informazioni con il cervello vero e proprio ma che è pure in grado di rilasciare sostanze psicoattive responsabili di una serie di disturbi gastrointestinali, tra cui gonfiore e dolori addominali, che possono condizionare la vita quotidiana.
Anche l’intestino ha un cervello

Un equilibrio riconquistato

Sono tanti i fattori che influenzano la peristalsi intestinale, quell’insieme di movimenti dell’apparato digerente che regola il transito delle feci e la conseguente evacuazione.
Un equilibrio riconquistato

Le dita come aghi

Basta premere con le dita la regione anatomica collocata tra l’ano e i genitali per ridurre i sintomi della stitichezza nel giro di un mese.
Le dita come aghi

Un, due, tre tonificare

Tra gli sport che possono ridurre il gonfiore a livello della pancia tonificando le fasce addominali ci sono il nuoto, la danza e gli esercizi di aerobica, oltre a pratiche quali yoga e pilates.
Un, due, tre tonificare

Grassi e zuccheri danneggiano intestino e cervello

L’attività cognitiva è influenzata negativamente dalle diete ricche di grassi e/o di zuccheri, che alternano la flora batterica intestinale.
Grassi e zuccheri danneggiano intestino e cervello

Sì alle fibre anche nel weekend

Tutta la settimana a dieta e poi dal venerdì alla domenica si scordano frutta e verdura e si da via libera al cosiddetto junk food. Oltre all’inevitabile e dannoso effetto yo-yo sul peso, i weekend senza regole alimentari danneggiano l’intestino e i preziosi batteri che lo popolano, fra i primi responsabili del nostro benessere.
Sì alle fibre anche nel weekend

L’intestino in difesa del diabete

Una ricerca finlandese ha scoperto una molecola che protegge dal diabete. Si tratta dell’acido indolepropionico prodotto dalla digestione da parte dei batteri della flora intestinale delle fibre alimentari, che in precedenti studi avevano già rivelato il loro effetto protettivo contro tale disturbo metabolico.
L’intestino in difesa del diabete

Tono ridotto, gonfiore assicurato

La distensione addominale che si manifesta in chi soffre della sindrome dell’intestino irritabile (IBS) può essere causata da una riduzione del tono della muscolatura intestinale.
Tono ridotto, gonfiore assicurato

Una pericolosa intolleranza

Tra le cause che possono provocare il gonfiore addominale c’è l’intolleranza alimentare, una reazione avversa che si manifesta quando non si digerisce bene un alimento o uno dei suoi componenti.
Una pericolosa intolleranza

Il cervello affamato

Perché si mangia troppo? Cosa si può fare per riconoscere i falsi stimoli del cervello e imparare a controllare la fame nervosa? È possibile liberarci dalla dipendenza dal cibo? Nel libro Il cervello affamato il neurobiologo statunitense Stephan Guyenet cerca di rispondere a queste e altre domande....
Il cervello affamato

Un invito alla moderazione

“Basta caramelle, ti fanno male alla pancia!” Quante volte i genitori lo hanno ripetuto ai loro bambini, anche senza sapere esattamente quali fossero i pericoli per l’intestino dei piccoli golosi. Da oggi questo saggio monito ha nuovi dati scientifici a suo favore.
Un invito alla moderazione

Viaggio più breve intestino più sano

Il tempo di transito del cibo lungo il tratto intestinale è un fattore chiave per il corretto funzionamento dell’apparato gastrointestinale. Il cibo deve fare un “viaggio” di 8 metri dal momento in cui viene ingerito a quello in cui viene eliminato dal nostro corpo.
Viaggio più breve intestino più sano

Relazioni piccanti

Il peperoncino potrebbe essere un’utile risorsa contro le infiammazioni intestinali grazie alla capsaicina, il suo principio attivo più importante.
Relazioni piccanti

L’ottimismo vien mangiando

Meno calorie, cibi selezionati, movimento e tecniche di rilassamento: sono gli ingredienti di una nuova filosofia nutrizionale, nota come Positive Nutrition.
L’ottimismo vien mangiando

Le buone abitudini si imparano a scuola

I bambini che non mangiano frutta e verdura hanno 13 volte più possibilità di essere stitici, un problema in particolare più marcato nelle femmine rispetto ai maschi.
Le buone abitudini si imparano a scuola

Una pericolosa intolleranza

Tra le cause che possono provocare il gonfiore addominale c’è l’intolleranza alimentare, una reazione avversa che si manifesta quando non si digerisce bene un alimento o uno dei suoi componenti. A differenza dell’allergia alimentare, l’intolleranza alimentare non è causata dal sistema immunitario, ma dalla perdita di integrità della mucosa intestinale e delle sue funzioni digestive e protettive.
Una pericolosa intolleranza

Tante fibre e zero grassi

La pera è un frutto amico dell’intestino, stimolando la sua funzione e difendendolo dalle infiammazioni. Possiede anche altre proprietà benefiche per il nostro organismo...
Tante fibre e zero grassi

Quando la colpa è del BED

Il disturbo da alimentazione incontrollata – dall’inglese binge eating disorder o BED - sembra essere associato allo sviluppo di disturbi dell’apparato gastrointestinale, tra cui gonfiore e dolore addominali, stipsi e diarrea.
Quando la colpa è del BED

No alla centrifuga e l’intestino ringrazia

È risaputo che consumare ogni giorno frutta e verdura come parte di una dieta sana e bilanciata è essenziale per la regolare funzionalità dell’intestino. Recentemente sono tuttavia emerse alcune perplessità riguardo l’utilità per il benessere intestinale di consumare centrifugati a base di frutta o di verdura.
No alla centrifuga e l’intestino ringrazia
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social