Menu utente
Chiudi menu
Un’alimentazione che può gonfiare

Un’alimentazione che può gonfiare

Ai vegetariani talvolta capita di accusare fastidiosi gonfiori addominali, soprattutto se hanno appena adottato questo regime alimentare. In genere ciò è dovuto all’aumento della quantità di fibre nella dieta e si manifesta soprattutto se prima se ne assumevano poche.

Essendo basata su cibi lavorati e raffinati, l’alimentazione di oggi, infatti, è estremamente povera di fibre disabituando così l’intestino che reagisce gonfiandosi. Anche se nei neovegetariani il gonfiore di solito tende a passare ci sono alcuni semplici rimedi utili a risolvere il problema della pancia gonfia anche a chi è vegetariano da tempo e a chi invece segue un’alimentazione completa.

  1. Per prima cosa ridurre le quantità dei cibi più ricchi di fibre - legumi, pasta/pane integrale e verdure soprattutto crude - per poi incrementale gradualmente nei giorni successivi.
  2. Prediligere i legumi più facilmente digeribili come lenticchie rosse decorticate, lenticchie verdi piccole e azuki.
  3. Scegliere i cereali più leggeri come riso, quinoa, orzo e avena.
  4. Consumare ortaggi e verdure cotti al vapore oppure sotto forma di purè e vellutate.
  5. Evitare i legumi in scatola e utilizzare quelli freschi o secchi.
  6. Aumentare la quantità giornaliera di acqua e di liquidi, tisane incluse.
Altri articoli che potrebbero interessarti

Sindrome dell’intestino irritabile: notizie dal microbiota

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS), un disturbo che riguarda circa il 7-10% della popolazione, si manifesta con stipsi, diarrea e dolori addominali.
Sindrome dell’intestino irritabile: notizie dal microbiota

Paese che vai, microbiota che trovi

Al cambiare della dieta cambia pure la composizione del microbiota intestinale, ossia l’insieme dei batteri benefici che popolano il nostro intestino.
Paese che vai, microbiota che trovi

La buccia fa bene anche all’intestino

Il famoso detto “una mela al giorno leva il medico di torno” è sempre valido, ma andrebbe modificato aggiungendo che i vantaggi per la salute di mangiare una mela sono ancora più marcati se si consuma con la buccia.
La buccia fa bene anche all’intestino

Benefici di stagione

I fichi, frutti presenti in tutto il bacino del Mediterraneo dall’estate all’autunno a seconda delle varietà, sono storicamente raccomandati per le loro proprietà benefiche in molti disturbi intestinali, compresa la stitichezza.
Benefici di stagione

La dieta senza glutine

Seguire una dieta gluten free, vuol dire prestare particolare attenzione nell’evitare i seguenti alimenti...
La dieta senza glutine

Lentezza è mezza magrezza

Consumare i pasti lentamente, assaporando ogni boccone, riduce il rischio di diventare obesi. La conferma che sia una pratica utile per rimanere in forma arriva dai risultati di uno studio pubblicato sulla rivista British Medical Journal condotto in Giappone su 60 mila persone e della durata di 6 anni.
Lentezza è mezza magrezza

Una soluzione per l’ansia e i chili di troppo?

Assumere la giusta quantità di probiotici aiuterebbe non solo a perdere peso ma anche a controllare l’ansia.
Una soluzione per l’ansia e i chili di troppo?

Verdura e frutta: meglio se arancioni

Per combattere il gonfiore addominale è risaputo che la scelta degli alimenti è molto importante. In tema di vegetali la stagione primaverile offre un’ampia scelta di prodotti utili a contrastare efficacemente questo fastidioso disturbo, come la frutta e la verdura di colore giallo-arancione.
Verdura e frutta: meglio se arancioni

Allenarsi all’arrivo del ciclo

La sindrome premestruale è un disturbo molto comune tra le donne in età riproduttiva, che ha anche la stitichezza tra i suoi (tanti) fastidiosi sintomi. L’esercizio fisico aerobico potrebbe aiutare a combatterla.
Allenarsi all’arrivo del ciclo

Zuccheri da selezionare con cura

Chi soffre di intestino irritabile avrà certo familiarità con quel fastidioso gonfiore che spesso si presenta dopo aver mangiato qualche cucchiaino di miele o dopo avere ecceduto nel consumo di datteri o prugne, uva e fichi secchi.
Zuccheri da selezionare con cura

Per un cambio di stagione senza scosse

Spesso al cambio di stagione, con la variabilità del clima e delle temperature e l'accorciamento o l’allungamento delle giornate, l’organismo, e l’intestino in particolare, ne può risentire.
Per un cambio di stagione senza scosse

Il benessere è nel picnic

Al parco, al mare o in montagna, con la bella stagione un pranzo all’aria aperta è la soluzione perfetta per mangiare piacevolmente immersi nella natura. Ecco qualche indicazione per un pasto sano e anti-calura estiva.
Il benessere è nel picnic

Un’accoppiata vincente

Dei benefici dei probiotici si parla da ormai da qualche anno, ma è recente l’evidenza che il consumo di un latte fermentato contenente ceppi di bifidobatteri e di lattobacilli è in grado di ridurre il malessere legato al gonfiore addominale.
Un’accoppiata vincente

Rimedi antichi, benefici senza tempo

Combattere la stitichezza con le prugne secche non è solo una pillola di saggezza dei nostri nonni.
Rimedi antichi, benefici senza tempo

Dolce per il palato, buono per la pancia

Un frullato di avena e ciliegie essiccate, oltre a essere una bevanda gustosa e originale per il palato, è un toccasana per l’intestino pigro.
Dolce per il palato, buono per la pancia

Grassi da bandire

In una dieta sana ed equilibrata il 20-35% delle calorie complessive deriva dai grassi (noti anche come lipidi), che non devono mancare se si vuole rimanere in buona salute. Che siano insaturi, saturi o trans, i grassi alimentari sono tutti uguali per quanto riguarda le calorie che apportano. Sul piano qualitativo invece....
Grassi da bandire

La salute è preconcezionale

Prima di pianificare una gravidanza è bene sapere che la dieta e lo stile di vita nel periodo che precede il concepimento si ripercuotono sulla salute del bambino.
La salute è preconcezionale

In aiuto agli eccessi

Capita a tutti di provare una sensazione di gonfiore dopo una cena o un pranzo con troppe portate e qualche bicchiere di vino in più. Bisogna sapere che tra gli alimenti del giorno dopo ce ne sono alcuni particolarmente utili per ritornare in forma.
In aiuto agli eccessi

I magnifici quattro

L’aria di primavera si sa è foriera di buone nuove, insieme però a qualche piccolo disturbo che eviteremmo volentieri. Sbalzi di temperatura e cambio dell’ora possono provocare infatti una serie di fastidi a livello dell’apparato digerente - uno dei più sensibili ai cambi di stagione - come la classica pancia gonfia e l’irritabilità intestinale.
I magnifici quattro

È primavera, svegliatevi intestini

La stitichezza si combatte - anche - con i germogli di broccolo, soprattutto adesso con l’arrivo della bella stagione. A dimostrare gli effetti benefici dei teneri virgulti sono i risultati di uno studio giapponese, che ha evidenziato come gli effetti intestinali benefici del broccolo sarebbero dovuti al sulforano, una molecola ad attività antiossidante contenuta in quantità elevate nei germogli.
È primavera, svegliatevi intestini

Proprietà terapeutiche del diario

Scrivere un diario può essere utile al benessere dell’intestino. Infatti “carta e penna” sembrano alleviare i sintomi della sindrome del colon irritabile, tra cui dolore addominale, stitichezza e gonfiore.
Proprietà terapeutiche del diario

Il beneficio in una tazza di tè

Il tè verde non solo migliora il benessere gastrointestinale, ma è anche un buon rimedio contro la stitichezza. Consumata con moderazione questa bevanda stimola infatti l’intestino pigro e regolarizza le evacuazioni.
Il beneficio in una tazza di tè

Né buono né cattivo

È più sano mangiare pane bianco o pane integrale? I nutrizionisti preferiscono in genere il pane integrale per il suo elevato contenuto di fibre e per il basso indice glicemico, che lo rende meno a rischio di innalzare la glicemia. In realtà, almeno secondo quanto evidenzia uno studio israeliano pubblicato sulla rivista Cell Metabolism, non è possibile distinguere tra un pane sano e uno meno sano, perché i benefici di uno o dell’altro dipendono dal singolo individuo, o meglio dal suo corredo di batteri intestinali.
Né buono né cattivo

Riconosciuti i benefici delle prugne secche

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare ha ufficialmente riconosciuto l’effetto benefico delle prugne secche sulla salute intestinale, dichiarando che contribuiscono al regolare funzionamento dell’apparato digerente.
Riconosciuti i benefici delle prugne secche
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social
🕑