Menu utente
Chiudi menu
Dieta e microbiota. Alimenti, batteri, probiotici e salute

Dieta e microbiota. Alimenti, batteri, probiotici e salute

Mangiate dolci in maniera compulsiva? Alcuni farmaci si dimostrano poco efficaci? Siete spesso di cattivo umore o eccessivamente ansiosi? Potrebbe essere colpa dei batteri che vivono nel vostro intestino.

In questo libro Vassilios Fanos, professore ordinario di pediatria all’Università di Cagliari e autore di centinaia tra testi e pubblicazioni scientifiche, affronta a 360 gradi un argomento sulla cresta dell’onda, il microbiota intestinale. L’indice è ricchissimo, con contenuti dal titolo accattivante che si articolano in quasi duecento pagine, affrontando temi che vanno dalla storia del microbiota all’alimentazione corretta, fino alla disamina di condizioni fisiologiche e patologiche dove i batteri intestinali sono protagonisti.

Il punto focale per Fanos è nel riconoscere l’individuo non come organismo in sé ma come ecosistema, quello che ciascuno forma con i propri batteri vivendo con loro in simbiosi già nel grembo materno. Il messaggio è comunque positivo. Secondo l’autore modificando il microbiota intestinale con la dieta e con l’impiego di alimenti prebiotici, probiotici e simbiotici è possibile intervenire concretamente a favore della salute.

Dieta e microbiota. Alimenti, batteri, probiotici e salute
Vassilios Fanos, Hygeia Press 2017
Altri articoli che potrebbero interessarti

Riconosciuti i benefici delle prugne secche

L’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare ha ufficialmente riconosciuto l’effetto benefico delle prugne secche sulla salute intestinale, dichiarando che contribuiscono al regolare funzionamento dell’apparato digerente.
Riconosciuti i benefici delle prugne secche

La digeribilità vien mangiando

Fagioli, lenticchie, piselli e ceci: come farne a meno se si soffre di gonfiore addominale, proprio adesso che con i primi freddi si pregusta il piacere di una zuppa calda e nutriente?
La digeribilità vien mangiando

La moderazione non basta

A volte capita che dopo avere bevuto una birra o un bicchiere di vino ci si senta gonfi. Esiste dunque un’associazione tra il gonfiore addominale e il consumo di alcool?
La moderazione non basta

Primavera: è tempo di magnesio

Con il rialzo delle temperature, l’arrivo della primavera si può accompagnare a gonfiore addominale, stanchezza, insonnia e irritabilità. Spesso dietro a questi disturbi c’è una carenza di magnesio, un minerale che svolge un ruolo chiave in numerose funzioni fisiologiche del nostro organismo ed è indispensabile per il suo buon funzionamento.
Primavera: è tempo di magnesio

Il benessere è integrale

È risaputo che un’alimentazione ricca di fibre contenute nei cereali integrali, nella frutta e verdura fresche e nei legumi favorisce la regolarità intestinale. Una ricerca danese ha recentemente dimostrato che consumare farine di grano e di segale integrali non solo migliora, rispetto a quelle raffinate, il benessere dell’apparato intestinale ma riduce anche il gonfiore addominale, uno dei sintomi gastrointestinali più fastidiosi.
Il benessere è integrale

In attesa del ciclo

Per molte donne l’appuntamento mensile con le mestruazioni coincide con la comparsa nei giorni precedenti di sintomi classici: puntuale come un orologio ecco farsi avanti il fastidioso gonfiore addominale, che spesso non è solo e si accompagna ad ansia, depressione e calo dell’umore.
In attesa del ciclo

Il fermento è un portento

Un cibo antico, naturale e altamente digeribile può rivelarsi un utile alleato contro il gonfiore intestinale. Si tratta del kefir, un latte fermentato di origine caucasica, ricco in microrganismi benefici in grado di arrivare all’intestino ancora vivi e apportare così benefici al microbiota intestinale.
Il fermento è un portento

Più magri con i latticini a colazione

È ormai noto che per perdere peso bisogna prestare attenzione alla composizione dei tre pasti principali, a partire dalla colazione, che deve essere abbondante e ricca di proteine.
Più magri con i latticini a colazione

Se non è glutine sarà fruttano?

Il gonfiore addominale di cui molte persone soffrono dopo aver ingerito alimenti contenenti frumento potrebbe essere dovuto a una particolare sensibilità al fruttano e non al glutine come comunemente si crede.
Se non è glutine sarà fruttano?

Intolleranza al lattosio

I sintomi delle persone affette da intolleranza al lattosio possono includere dolore addominale, gonfiore addominale, gas, diarrea e nausea. Tali sintomi possono essere gestiti con la modifica delle abitudini alimentari.
Intolleranza al lattosio

Le giuste combinazioni

Il gonfiore addominale è un disturbo molto diffuso, in particolare tra le donne, e viene percepito come una costante e fastidiosa sensazione di pienezza che nella maggior parte dei casi è dovuta a un accumulo di aria a livello intestinale.
Le giuste combinazioni

Restrittivi con cautela

Spesso si associa il gonfiore addominale all’assunzione di prodotti a base di grano o di latticini. Il peggioramento dei sintomi influenza la qualità di vita, si comincia con l’eliminare qualche alimento, ma il rischio quasi inevitabile è quello di privarsi di intere classi alimentari senza risultati.
Restrittivi con cautela

Stitici e intossicati?

Che la stitichezza - soprattutto quella ostinata - causi la produzione di tossine a loro volta responsabili di malesseri non solo intestinali è un convinzione diffusa che in realtà non ha fondamenti scientifici.
Stitici e intossicati?

Virtuose se solubili

Comunemente si crede che una dieta ricca di fibre, specie se associata all’ingestione di molta acqua, sia utile a ridurre il gonfiore addominale e il meteorismo grazie alla regolarizzazione delle funzioni dell’intestino. È vero invece che un eccesso di fibre può peggiorare la pigrizia intestinale e quindi facilitare l’accumulo di gas, soprattutto nell’anziano, che può risentire a causa dell’età di una funzionalità intestinale compromessa.
Virtuose se solubili

Se è raffinata va limitata

Consumare regolarmente alimenti a base di farine bianche può causare stitichezza e infiammazione dei tessuti. Anche se la farina è un prodotto che è parte integrante dell’alimentazione umana da centinaia d’anni, il processo di raffinazione riduce notevolmente le sue qualità nutrizionali.
Se è raffinata va limitata

Cosa fare se la futura mamma soffre di gonfiore

Molte donne durante la gravidanza soffrono di pancia gonfia, principalmente per la presenza del progesterone, un ormone che, rallentando il processo digestivo, causa un eccesso di gas a livello addominale determinando una sensazione di gonfiore.
Cosa fare se la futura mamma soffre di gonfiore

La buccia fa bene anche all’intestino

Il famoso detto “una mela al giorno leva il medico di torno” è sempre valido, ma andrebbe modificato aggiungendo che i vantaggi per la salute di mangiare una mela sono ancora più marcati se si consuma con la buccia.
La buccia fa bene anche all’intestino

Dieta senza lattosio e derivati

Seguire una dieta senza lattosio, vuol dire evitare di introdurre i seguenti alimenti.....
Dieta senza lattosio e derivati

Il microbiota è tutto in fermento

Ormai è dimostrato, il benessere del microbiota, l’insieme dei microrganismi che colonizza l’intestino, dipende anche dalla dieta, che deve essere sana, varia, equilibrata e ricca di frutta, verdura e cereali. Ma c’è una novità!
Il microbiota è tutto in fermento

Cambio di dieta: sì, ma con lentezza

Il passaggio drastico da un’alimentazione tipicamente occidentale, per lo più a base di cibi raffinati e di origine animale, a una dieta vegetariana implica un cambiamento drastico nel consumo giornaliero di fibra: dai 15-20 grammi assunti abitualmente si arriva facilmente a 70 grammi, per lo più derivati da legumi, cereali integrali, frutta e verdura.
Cambio di dieta: sì, ma con lentezza

Ruoli da approfondire

È ormai dimostrato che il microbiota intestinale, la comunità di microrganismi che colonizza l’intestino, svolge un ruolo nell’insorgenza di alcuni sintomi gastrointestinali, gonfiore addominale compreso. Meno chiari sono i meccanismi alla base di questo sintomo così fastidioso.
Ruoli da approfondire

Regolare il transito dopo il “traffico” delle feste

Gennaio è quasi al termine e le feste natalizie sono ormai lontane, ma gli strappi a tavola in molti casi hanno lasciato il segno: maggiore difficoltà ad andare in bagno, addome più prominente del normale e sensazione di avere qualche chilo in più.
Regolare il transito dopo il “traffico” delle feste

Da noi la celiachia è ancora sottostimata

Non dev'essere facile, nel paese per antonomasia della pasta e della pizza, essere intolleranti al glutine che si trova nel grano e nei suoi derivati, quindi in molti piatti tipici italiani. Ma è proprio quanto accade ai celiaci...
Da noi la celiachia è ancora sottostimata

La salute è tutta in fermento

Chi abitualmente mangia yogurt segue in genere uno stile di vita sano e predilige una dieta di tipo mediterraneo, con effetti positivi sulla salute. Sono le conclusioni di una ricerca spagnola recentemente pubblicato sulla rivista Nutrition, Metabolism and Cardiovascular Diseases, che ha valutato l’associazione tra il consumo giornaliero di latticini fermentati, la qualità della dieta e la prevalenza di sindrome metabolica in oltre 6.500 persone sovrappeso o obese dell’area Mediterranea.
La salute è tutta in fermento
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social