Menu utente
Chiudi menu
Malattia diverticolare o diverticolosi

Malattia diverticolare o diverticolosi


UImmagine 1na dieta povera di fibre e l’età avanzata sono fattori che possono contribuire allo sviluppo della malattia diverticolare insieme all’inattività fisica, alla stitichezza, all’obesità, al fumo e al trattamento con alcuni farmaci.

I consigli nutrizionali fanno riferimento a quanto indicato dalle Linee Guida per una sana e corretta alimentazione e a quanto previsto dalla dieta mediterranea.


Come comportarsi
  • Non saltare i pasti e preferibilmente suddividere gli alimenti in tre pasti e due spuntini (colazione, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio e cena);
  • Consumare i pasti a tavola, mangiare lentamente e masticare bene;
  • Prevenire e correggere l’eccesso ponderale;
  • Impegnarsi in una regolare attività fisica aerobica, come camminare a ritmo moderato/sostenuto e comunque in base alle proprie abilità (almeno 30 minuti al giorno, quasi tutti i giorni della settimana).
Consigli alimentari
  • Mantenere un’alimentazione equilibrata tipica mediterranea;
  • Consumare una dieta ricca di vegetali e frutta (almeno due volte al giorno);
  • Preferire frutta e verdura particolarmente ricche di fibre (agrumi, kiwi, pere, prugne, carote, carciofi, cavoli, asparagi, insalata)
  • Consumare cereali integrali e legumi;
  • Consumare pesce, possibilmente pesce azzurro ricco di ω3, due/tre volte la settimana;
  • Limitare l’assunzione di carne rossa e di insaccati;
  • Limitare il consumo di grassi di origine animale (carni e pesci grassi, salumi, strutto, burro… );
  • Ridurre l’utilizzo di bevande zuccherate e cibi ricchi di zuccheri semplici (caramelle, dolci, zucchero, miele…);
  • Se è presente meteorismo, evitare o ridurre gli alimenti che possono favorirlo (legumi, cavoli, cipolle, latte e latticini freschi, bevande gassate, dolcificanti);
  • Scegliere e preparare cibi con poco sale;
  • Consumare almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, distribuita durante tutta la giornata.
Schema alimentare giornaliero
La quantità degli alimenti indicati varierà in base ai fabbisogni.

Colazione
  • Una tazza di latte parzialmente scremato oppure • uno yogurt alla frutta
  • Fette biscottate integrali con marmellata oppure • cracker integrali • biscotti integrali • fette biscottate • cornflakes • biscotti secchi • riso soffiato • muesli
Spuntino mattutino
  • Cracker integrali oppure • fette biscottate integrali • biscotti integrali • un vasetto di yogurt • un panino integrale• biscotti secchi
Pranzo
  • Una porzione di pasta di semola oppure • una porzione di riso • una porzione di pasta e legumi • una porzione di pane integrale • una porzione di pasta di semola integrale • una porzione di zuppa di verdure • una porzione di zuppa di cereali
  • Sugo alle verdure oppure • sugo al tonno • sugo al pomodoro e basilico
  • Parmigiano reggiano o grana padano
  • Olio di oliva extravergine per condire
  • Verdure miste di stagione
  • Frutta fresca oppure • una spremuta d’arancia
Merenda
  • Cracker integrali oppure • biscotti secchi • un frutto fresco
Cena
  • Una porzione di pesce al forno oppure • una porzione di carne bianca (pollo, coniglio) • parmigiano reggiano o grana padano • una porzione di carne magra di manzo o vitello • mozzarella di vacca • tonno • prosciutto cotto o prosciutto crudo magro
  • Verdura di stagione cotta o cruda
  • Olio di oliva extravergine per condire
  • Pane integrale oppure • pasta di semola • zuppa di cereali o legumi • legumi freschi • fette biscottate integrali • patate • cracker integrali • minestra di verdura
  • Frutta fresca di stagione
NB: Lo schema è impostato sulla base delle indicazioni della dieta mediterranea, dovrà essere ricco di fibre che andranno inserite gradualmente nella giornata. Gli alimenti ricchi di fibre sono le verdure, la frutta, i legumi e i cereali integrali. Nella giornata consumare almeno un litro e mezzo d’acqua. Altre bevande possono essere scelte fra thè, caffè d’orzo, camomilla e tisane.
Altri articoli che potrebbero interessarti

Intolleranza al lattosio

I sintomi delle persone affette da intolleranza al lattosio possono includere dolore addominale, gonfiore addominale, gas, diarrea e nausea. Tali sintomi possono essere gestiti con la modifica delle abitudini alimentari.
Intolleranza al lattosio

Un’alimentazione che può gonfiare

Ai vegetariani talvolta capita di accusare fastidiosi gonfiori addominali, soprattutto se hanno appena adottato questo regime alimentare. In genere ciò è dovuto all’aumento della quantità di fibre nella dieta e si manifesta soprattutto se prima se ne assumevano poche.
Un’alimentazione che può gonfiare

Dieta senza lievito di birra

Il lievito di birra è prevalentemente costituito da colture di Saccharomyces cerevisiae, impiegato principalmente nei processi di panificazione nella realizzazione di prodotti da forno (pane, pizza, biscotti, focacce) e nella produzione di vino e birra
Dieta senza lievito di birra

Le ricette Smartfood

Il sottotitolo di questo volume pratico, che applica i consigli teorici della Dieta Smartfood proposta dagli stessi autori, ne anticipa il contenuto: “100 piatti con cibi intelligenti che mimano il digiuno, combattono il sovrappeso e allungano la vita”
Le ricette Smartfood

Tisane calde d'estate

Con l’arrivo del caldo è convinzione comune che bere tisane calde la sera per favorire la digestione sia un’abitudine da sospendere sino all’arrivo della stagione fredda. Niente di più sbagliato.
Tisane calde d'estate

Il segreto della longevità dei Cavalieri Templari

Nell’incessante ricerca di regimi dietetici sempre più creativi in grado di allontanare l’invecchiamento e di far vivere più a lungo, un suggerimento viene dal lontano passato.
Il segreto della longevità dei Cavalieri Templari

Proteggere l'intestino nel cambio di stagione

Una buona abitudine soprattutto durante il cambio di stagione autunno-inverno consiste nel fare la cosiddetta “pulizia di terreno” usando rimedi naturali e probiotici: ripulire e riattivare fegato ed intestino ci aiuta a reagire meglio agli attacchi di virus e batteri, maggiori cause delle patologie stagionali.
Proteggere l'intestino nel cambio di stagione

Nuova dieta per l’intestino irritabile

Un regime alimentare a base di cibi poveri di carboidrati fermentabili, ossia di FODMAP (fermentable oligo-di-monosaccharides and polyols), riduce i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile (IBS).
Nuova dieta per l’intestino irritabile

Frizzante solo ai pasti

Bere tutti i giorni almeno un litro di acqua è una sana abitudine che favorisce il benessere di tutto l’organismo, garantendo in particolare il regolare funzionamento del sistema gastrointestinale.
Frizzante solo ai pasti

Ottima anche dopo pasto

La frutta non dovrebbe mai mancare in un’alimentazione sana ed equilibrata, ma qual è il momento migliore della giornata per consumarla?
Ottima anche dopo pasto

Minestra di legumi

Tra i rimedi per contrastare la stitichezza ci sono alcuni cibi che, per le loro proprietà, aiutano ad alleviare questo fastidioso disturbo. Ecco una ricetta molto semplice da realizzare che ne prevede diversi: la minestra di legumi, un piatto unico che contiene circa 400 calorie per porzione.
Minestra di legumi

Per non rinunciare ai legumi

Le leguminose, fagioli, ceci, lenticchie, piselli, fave e cicerchie, sono uno degli alimenti più completi dal punto di vista nutrizionale e alternative ideali alle proteine animali, ma spesso esclusi dalla dieta per il loro effetto meteorico.
Per non rinunciare ai legumi

Una buona abitudine

Bere un paio di bicchieri d’acqua al risveglio mattutino prima di fare colazione è una buona abitudine quotidiana che fa bene alla salute.
Una buona abitudine

Dieta disintossicante per il fegato

Un fegato pigro può contribuire alla ritenzione idrica e al gonfiore addominale. Per rigenerare e depurare il fegato e le vie biliari affaticati, oltre a bere 1,5-2 litri di acqua al giorno, si possono seguire i seguenti semplici consigli...
Dieta disintossicante per il fegato

Amici e nemici del gonfiore

Una dieta a basso contenuto di FODMAP, ossia di oligosaccaridi, disaccaridi e monosaccaridi fermentabili e polioli, migliora i disturbi gastrointestinali dei pazienti con la sindrome dell’intestino irritabile ma è consigliabile a tutti coloro che soffrono di gonfiore addominale.
Amici e nemici del gonfiore

Senza FODMAP il gonfiore se ne va

La dieta a basso contenuto di FODMAP - acronimo per fermentable oligo-, di-, monosaccharides and polyols - ossia contenente cibi che fermentano troppo nel nostro organismo aiuta a ridurre la frequenza e l’intensità dei disturbi gastrointestinali tipici della sindrome dell’intestino irritabile e a migliorare lo stato di benessere generale.
Senza FODMAP il gonfiore se ne va

Lunga vita alla frutta secca

Arachidi e noci elisir di lunga vita? Sembrerebbe di sì, visto che ne bastano 15 grammi al giorno - meno di una manciata - per ridurre il rischio di morte da malattie cardiovascolari, neurodegenerative e respiratorie, cancro e diabete.
Lunga vita alla frutta secca

Facile come bere un bicchier d’acqua

Insonnia, ipotensione, irritabilità, difficoltà di concentrazione, tachicardia: sono gli effetti che si osservano nei bambini e negli adolescenti che hanno un’idratazione scarsa perché non bevono acqua a sufficienza
Facile come bere un bicchier d’acqua

Centrifugati di frutta e verdura contro il gonfiore

Nella quotidiana lotta al gonfiore addominale la verdura e la frutta giocano un ruolo chiave anche per la possibilità di combinarli insieme per preparare gustosi centrifugati dalle proprietà drenanti, dei veri toccasana soprattutto d’estate.
Centrifugati di frutta e verdura contro il gonfiore

Yogurt greco: un alimento dalle mille virtù

Ideale come sostituto del pasto con l’aggiunta di verdure, semi di sesamo o girasole e olio extravergine di oliva, perfetto come dessert combinato a frutta, noci e miele: lo yogurt greco è ormai una presenza familiare sulle nostre tavole, con ottime credenziali.
Yogurt greco: un alimento dalle mille virtù

L’acqua fa bene alla pancia

Per il benessere di tutto l’organismo, e in particolare dell’apparato gastrointestinale, è essenziale bere ogni giorno almeno 1,5-2 litri di acqua e consumare alimenti come frutta e verdure che ne contengono notevoli quantità.
L’acqua fa bene alla pancia

Se è integrale sgonfia

Il riso integrale è un valido alleato soprattutto per chi soffre di gonfiore addominale: sono sufficienti infatti 50-60 grammi per evitare la sensazione di pancia gonfia, di pesantezza e i problemi di meteorismo.
Se è integrale sgonfia

Le giuste calorie combattono il meteorismo

Chi soffre di meteorismo, cioè di un eccessivo accumulo di gas intestinale, dovrebbe seguire una serie di regole dietetico-comportamentali finalizzate alla riduzione dei sintomi associati quali sensazione di pienezza, gonfiore addominale, emissione di gas a livello anale (flatulenza) e gorgoglii addominali percepibili dovuti alla digestione.
Le giuste calorie combattono il meteorismo

Ricette antigonfiore

Alcune ricette antigonfiore gustose, molto semplici e veloci da realizzare e particolarmente adatte alla stagione calda
Ricette antigonfiore
Cliccando sui banner si accede al Riassunto delle caratteristiche di prodotto
benessere intestinale social